LIBRI

Storie di passioni che piacciono alle donne

di Francesca Bussi
Tre letture al femminile: amori, odi e riflessioni sull' età.

"Io credo nell'amore" diioioo.

PASSIONI IN (OTTIMA) SALSA SUDAMERCANA
Avviso alle fan di Isabel Allende: se impazzite per la scrittrice cilena e la cultura latina, il nuovo romanzo di Marisel Vera fa al caso vostro. Ambientato nella Portorico degli anni Cinquanta, racconta l’amore tra Felicidad, panettiera solitaria, e Aníbal, rubacuori consumato che la vuole portare con sé in America, a Chicago. Ma non lasciatevi ingannare, non c’è solo romanticismo tra le pagine del libro. Si parla anche di temi forti, dalla discriminazione razziale ai diritti civili. E della nostalgia infinita di chi è costretto a lasciare la propria terra.
Marisel Vera, Io credo nell’amore, Newton Compton, 9,90 euro

 

 

LA DURA VITA DELLE “VECCHIE”

"Non è un paese per vecchie" di Loredana Lipperini.

È una parola che può suonare male, “vecchia”. Ma Loredana Lipperini chiama le cose con il loro nome e guarda in faccia la realtà: «I vecchi sono numeri. Numeri che ci fanno paura, come quell’uno su tre che riguarda la percentuale di anziani che abiteranno il nostro paese di qui ai prossimi anni». La sua è una fenomenologia della vita che si allunga, che analizza le sfaccettature della vecchiaia. Compresi i suoi lati più tristi, come quando diventa carne da macello per i reality show televisivi.
Loredana Lipperini, Non è un paese per vecchie, Feltrinelli, 8 euro

"I soldi di Hitler" di Radka Denemarková.

LA STORIA DI GITA, TRA ODIO E PERDONO
In patria, nella Repubblica Ceca, è il romanzo dell’anno, e ha fatto incetta di premi, come il prestigioso Magnesia Litera. Racconta la storia di Gita, padre tedesco, madre ceca, origini ebraiche, scampata al campo di concentramento nazista solo per ritrovarsi estranea in casa propria, scacciata a causa delle sue origini. Odio e perdono si intrecciano tra le pagine di un libro scritto con uno stile aspro e intenso che rimane impresso nella memoria. Per chi pensa che la Storia non sia poi così lontana dal presente come a volte vorremmo credere.
Radka Denemarková, I soldi di Hitler, Keller editore, 16 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Rubrica Argomenti: Data: 11-09-2012 03:42 PM


Lascia un Commento

*