PIACERI

Toni Morrison, regina di Mantova

di Francesca Amé
La scrittrice afroamericana, premio Nobel e Pulitzer, incontra i lettori in tre appuntamenti tutti sold out.
Barack Obama si congratula con Toni Morrison dopo averle conferito la medal freedom.

Barack Obama si congratula con Toni Morrison dopo averle conferito la Medal of freedom.

È lei la regina del Festivaletteratura di Mantova. Sorriso aperto, corporatura importante, occhi vivaci e una penna che ha cambiato le sorte delle donne. È Toni Morrison, e quando si parla di lei non si deve avere paura di esagerare. La scrittrice afroamericana, già Premio Nobel per la Letteratura nel 1993, poi Premio Pulitzer e infine celebrata di recente anche dallo stesso presidente Barack Obama con la Medal of freedom, il più importante riconoscimento civile negli Stati Uniti, torna a Mantova in occasione della pubblicazione del suo libro A Casa (Frassinelli).
LA PROTAGONISTA DEL FESTIVAL
Ruba la scena a tutte, Toni Morrison. Lei, che esordì nella scrittura negli anni Settanta con il romanzo-denuncia «L’occhio più azzurro», storia di una ragazzina afro che sognava di avere gli occhi blu come Shirley Temple, non si è più fermata. Ha compiuto una rivoluzione, Toni Morrison: le donne coloured, nell’America delle battaglie femministe, imparano a prendere la parola, a far valere i loro diritti, a rivendicare le proprie libertà e identità. Toni intanto continua a scrivere, sostenuta dai critici, ma soprattutto da un pubblico fedele di donne (nere, bianche e ispaniche) che nei suoi racconti fiutano il sapore della dignità e del credere in se stessi. «Il colore viola», «Amatissima», «Paradiso»: Toni racconta storie di donne (o di ragazzini) che vivono ai margini, che lottano per la sopravvivenza, che sognano un futuro migliore.
FICTION PIÙ REALI DELLA REALTÀ
Fiction sì, ma più reali della realtà. Toni Morrison che dal 7 al 9 settembre incontra a Mantova i lettori in tre appuntamenti tutti sold out, è la regina del Festivaletteratura perché con i suoi libri ha saputo cambiare il destino delle donne di colore (e anche quello delle bianche). È la regina del festival perché non è ‘solo’ una scrittrice, ma una creatura dalle cento vite e dai mille talenti: giovane domestica presso una famiglia bianca, è riuscita ad arrivare a Yale. Intelligenza, passione, determinazione, studio hanno guidato la sua vita. Ha sconfitto la povertà, il bullismo e il razzismo con il suo sorriso e con l’arte: è stata ballerina e attrice, prima di affermarsi come autrice internazionale tra le più importanti della sua generazione. Ha attraversato tutte le arti, Toni Morrison, e ha dimostrato che la cultura, quella vera, può cambiare il corso della storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Piaceri Argomenti: , Data: 07-09-2012 10:56 AM


Lascia un Commento

*