nuove cure

Bye bye cellulite

di Veronica Mazza
Si chiama crioterapia ed è l'ultima frontiera non invasiva per combattere la pelle a buccia d'arancia.

Il nuovo metodo per combattere la cellulite si chiama crioterapia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità l’ha definita una malattia sociale e secondo i dati Istat ne soffrono 14 milioni di donne in Italia. Stiamo parlando della cellulite, che crea disturbi circolatori e porta alla comparsa dell’antiestetica pelle a buccia d’arancia.
Tra i tanti rimedi, uno dei più innovativi per combatterla è la crioterapia, un trattamento che sfrutta le temperature sotto zero. Utilizzata per scopi analgesici e infiammatori, soprattutto dagli atleti per evitare gonfiori e versamenti, e per contrastare l’invecchiamento della pelle, nel caso della cellulite usa il potere del freddo-caldo per riattivare la circolazione sanguigna e ridurre la ritenzione idrica. «La vasodilatazione e la vasocostrizione stimolano la dilatazione dei vasi sanguigni, favorendo la microcircolazione, che quando viene a mancare diventa la principale causa dei depositi adiposi che formano la cellulite», spiega la dottoressa Carla Aghito, naturopata e titolare di un rinimato centro benessere di Riccione.
Il trattamento estetico, di solito, viene fatto utilizzando un macchinario dotato di un manipolo a ultrasuoni che agisce in profondità, disgregando i pannicoli adiposi grazie alla veicolazione di principi attivi fisioterapici e all’alternanza delle temperare caldo-freddo.
«La zona viene massaggiata dal manipolo del macchinario, mentre con l’altra mano si compiono movimenti drenanti che amplificano l’effetto. Per smaltire le tossine, noi consigliamo di accompagnare il trattamento a un massaggio linfodrenante», continua l’Aghito.
Ogni seduta dura circa 50 minuti e costa intorno ai 70 euro. Per ottenere dei risultati si suggeriscono cicli di dieci sedute, con una frequenza di 2-3 volte la settimana.
A CASA COME IN BEAUTY FARM
Ma se il budget a disposizione è limitato si può sempre ricorrere al fai-da-te. Basta applicare sulle zona interessate dei sacchetti per il ghiaccio da freezer per circa 10 minuti: la parte si raffredda aumenta il flusso sanguigno.
Dopo non resta che applicare una crema anticellulite, massaggiandola in modo circolare fino al completo assorbimento.
Funziona se si è costanti e e se lo si fa  almeno due volte alla settimana.
«Un’alternativa valida è l’idroterapia, da provare sotto la doccia o nella vasca da bagno», consiglia la naturopata.«Bisogna alternare dei getti di acqua calda a quella fredda, partendo dai piedi e arrivando fino ai glutei. Poi continure nel verso opposto.
Questo trattamneto va fatto per circa 15 minuti, 3 volte alla settimana.  Aiuta anche a sgonfiare le gambe affaticate», conclude l’esperta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Bellezza, corpo, persone, Protagonisti, spa Argomenti: , , Data: 22-08-2012 11:54 AM


Lascia un Commento

*