La vita a modo suo

di Francesca Bonfanti
Il 9 agosto Melanie Griffith compie 60 anni. Alti e bassi della bad girl hollywoodiana ripercorsi in cinque frasi celebri: «Adesso sono in pace con me stessa. E mi piaccio anche con le rughe».

melanie griffith

«Non cammino portandomi dietro la paura. Ora vado in giro con la forza». Lo ha detto Melanie Griffith, oggi 60enne in pace con se stessa. Nel giorno del suo compleanno, il 9 agosto, tutto il mondo fa gli auguri a una donna che è stata attrice, figlia d’arte, icona ribelle degli sfrenati Eighties e protagonista di molte pagine di gossip. La Griffith è tutto questo e altro ancora. Celebrità dall’immagine forte e anticonvenzionale, ma anche persona fragile che ha ammesso le sue debolezze. Dopo una vita passata nell’occhio del ciclone, le candeline da spegnere aumentano, e anche l’amore per se stessa. Ripercorriamone successi e sconfitte attraverso alcune delle sue frasi più famose.

«Ah, la mia carriera. Quale carriera? Ho più di 40 anni!»
Gli ingaggi, con gli anni che aumentano, possono anche diminuire, ma l’attrice sembra averla presa con filosofia. La Griffith, in realtà, ha da sempre dovuto fare i conti con una carriera altalenante, che a grandi successi ha alternato dei sonori fiaschi. Soprattutto al botteghino: se la critica è rimasta al suo fianco in più occasioni, apprezzandone la recitazione, è il pubblico ad aver snobbato molte sue interpretazioni. La sua parte più famosa è sicuramente quella in Una donna in carriera, del 1988, che le valse anche una nomination agli Oscar. Eppure, non è mai riuscita a far davvero breccia nel cuore degli spettatori e gli Studios, passati gli Anni ’80 e ’90, pian piano l’hanno lasciata da parte. Nonostante questo, ha collezionato una serie di collaborazioni di altissimo livello, lavorando a fianco di registi come Brian de Palma, Woody Allen e Robert Redford. Una filmografia vastissima che va dalla commedia al thriller.

«Sapete chi mi ha aiutato moltissimo? Jane Fonda. Lei mi disse: ‘Guarda attraverso quanti alti e bassi sono passata io. Non preoccuparti.’»
Di alti e bassi Melanie Griffith ne ha affrontati tanti, soprattutto a causa del suo difficile rapporto con alcol e droghe. Gli eccessi dell’attrice, che le hanno dato la fama di cattiva ragazza, sono ormai famosi, così come i suoi tentativi di disintossicarsi. Dopo essere entrata più volte in terapia, nel 1988, nel 2000 e l’ultima volta nel 2009, sembrerebbe aver trovato ora un suo equilibrio. Il percorso, però, non è stato per nulla facile. La Griffith, che ha ammesso di aver una personalità tendente alla dipendenza, ha iniziato a far ricorso a sostanze stupefacenti da giovanissima. Figlia della musa hitchockiana Tippi Hedren, ha visto i genitori divorziare quando era appena una bambina. Già a dieci beveva vino «come se fosse una bibita», per cercare di colmare un vuoto affettivo che sentiva dentro di sé. Nel 1994 in un’intervista a Vanity Fair, facendo riferimento agli anni dell’infanzia, ha dichiarato: «Non sono mai stata amata incodizionatamente». Ricordando quel periodo della sua vita, che ha paragonato a una prigione, ha detto di essere «fortunata a essere ancora viva».

melanie griffith antonio banderas

«In Spagna c’è il Re. E poi c’è Antonio»
L’Antonio in questione è ovviamente Banderas, uno dei tre grandi amori della protagonista di Omicidio a luci rosse e La vita a modo mio. Non il suo primo, ma il più duraturo e famoso. Prima di sposare lo spagnolo, però, la Griffith aveva già avuto due precedenti mariti: Don Johnson, con cui divorziò nel 1976 per poi ricongiungersi nel 1989, e Steven Bauer. Il periodo con Johnson è stato il più travagliato, quello della dipendenza senza via di uscita. La coppia condivideva uno stile di vita alla «sesso, droga e rock’n roll», come ha confessato lei stessa, e il divorzio non tardò ad arrivare. Fu proprio il padre di Dakota, diventata poi famosa grazie a 50 sfumature di grigio, a indirizzarla verso un iniziale tentativo di disintossicazione, quando tornarono insieme più di dieci anni dopo. Johnson era riuscito a dire addio a alcol e droghe da diverso tempo.
È con Banderas al suo fianco, infine, che Melanie è riuscita ad abbandonare qualsiasi sostanza. La loro unione, che prima del divorzio, nel 2014, andava avanti da 18 anni, è stata una delle più amate di Hollywood. Una relazione burrascosa, di cui si seguivano litigi e riappacificazioni, e che Melanie ha voluto omaggiare tatuandosi su un braccio il nome del marito. Nel 2015, dopo aver firmato le carte della separazione, lo ha però rimosso anche se i rapporti fra i due sono rimasti ottimi, come assicurato da entrambi.

«Ora che sono più anziana, sono più in pace con me stessa e la mia vita. Mi piaccio nonostante le rughe. È quello che ho dentro a essere prezioso»
Prima di rendersi conto della propria bellezza, Melanie ha quasi rischiato di perderla. Mentre si avvicinava al traguardo dei 60 anni si è accorta di quanto gli interventi di chirurgia estetica a cui si era sottoposta avessero modificato il suo viso. In una intervista rilasciata su Vanity Fair US, ha ammesso che solo le reazioni di amici e parenti le hanno fatto aprire gli occhi su quanto fosse cambiata, ferendola ma anche facendola correre ai ripari. Si è sottoposta a nuovi trattamenti per limitare i danni, cercando di far tornare il suo volto al suo aspetto naturale. Bellissima da giovane senza rughe e anche ora che ne ha. Basta che non ci sia il botox.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 09-08-2017 01:00 PM


Lascia un Commento

*