Dottoressa Who

La Bbc ha annunciato il nome della 13esima incarnazione del Dottore. Ed è stata una grande sorpresa, perché per la prima volta in oltre 50 anni ha scelto una donna: Jodie Whittaker.

jodieIn attesa che, chissà, l’agente 007 diventi donna, nel 2017 cambia sicuramente sesso un’altra istituzione britannica, questa volta da piccolo schermo: per la prima volta, a interpretare Doctor Who nella serie di fantascienza in onda (con una lunga interruzione) dal 1963 sulla Bbc sarà infatti un’attrice. Come ‘erede’ dello scozzese Peter Capaldi e dunque come 13esima incarnazione del Dottore, l’alieno che viaggia nello spazio e nel tempo, è stata infatti scelta la 35enne Jodie Whittaker.

L’ESORDIO CON SHAKESPEARE
Nata a Huddersfield il 3 giugno 1982, Jodie Auckland Whittaker ha frequentato la Guildhall School of Music and Drama, prestigiosa scuola di recitazione londinese, completando gli studi nel 2005, anno in cui ha debuttato al Globe Theatre nell’opera shakespeariana La tempesta. Da allora ha proseguito la carriera dividendosi tra teatro, televisione e cinema: nel 2006 ha esordito sul grande schermo ha esordito al fianco di Peter O’Toole in Venus (inedito in Italia), con una parte che in patria le è valsa diversi riconoscimenti. Nello stesso anno è arrivato anche il debutto nelle serie televisive, con un’apparizione nella soap opera Doctors. Dai ‘dottori’ al ‘Dottore’: evidentemente, era destino.

Jodie Whittaker in 'Broadchurch'.

Jodie Whittaker in ‘Broadchurch’.

BETH IN BROADCHURCH
‘Battezzata’ artisticamente a teatro, dopo un esordio promettente Jodie Whittaker ha continuato a lavorare nel cinema, quasi sempre in parti secondarie e soprattutto in commedie. Oppure in cortometraggi. Scorrendo il suo curriculum, infatti, il suo habitat naturale sembra essere la televisione: fino all’investitura da parte della Bbc, si è infatti fatta notare principalmente per il ruolo di Beth Latimer nella serie Broadchurch. Adesso la sfida più difficile, quella di impersonare il protagonista di Doctow Who. «Interpretare il Dottore è molto più di un onore. Significa ricordare chi mi ha preceduto ma anche abbracciare ciò che il personaggio incarna: la speranza», ha detto l’attrice alla Bbc, ricordando poi che, in quanto femminista, vede questo importante cambiamento come un grande traguardo.

Immagine anteprima YouTube
LE REAZIONI SUI SOCIAL
Com’è ovvio, la scelta della Bbc, annunciata con un teaser trailer, ha fatto discutere gli appassionati, abituati a repentini cambi di età del protagonista (il Dottore si ‘rigenera’ infatti al momento della morte), ma non di sesso. E di appassionati della serie, nonostante la sua innegabile britannicità, è ricca l’Italia, che ha conosciuto la serie soprattutto grazie alla sua ‘rigenerazione’, è proprio il caso di dirlo, del 2005. Su Twitter, Silvia scrive ad esempio: «Mi piace il dottore donna, spero non venga chiamata dottoressa ma soprattutto chi sarà il companion? Un uomo?», riferendosi al fatto che, tradizionalmente, il Dottore viaggia e condivide le sue avventure con uno o più compagni di viaggio. Daisy ammette invece qualche perplessità, già superata però: «Non pensavo che l’avrebbero fatto davvero… ma Jodie Whittaker mi ha fatto un’ottima prima impressione». E poi c’è chi, come Matteo, preferisce affrontare la questione con ironia: «Ora però pretendo che ci sia una quarta stagione di Broadchurch e che ci sia Capaldi!».


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 17-07-2017 02:00 PM


Lascia un Commento

*