Première dame a chi?

Dimentichiamoci le solite first lady tipo Melania Trump, sempre un passo dietro al marito. Brigitte Macron non ci sta: vuole essere utile al suo Paese. Ecco come passa le sue giornate.

Brigitte e Emmanuel MacronQuello di première dame in Francia non è un ruolo di Stato. Per lo meno secondo la Costituzione francese. Eppure Brigitte Macron sembra impegnarsi per essere molto più che un volto da copertina. Vuole trovare una causa per cui battersi sfruttando la sua posizione: è questo lo scopo delle sue giornate tra incontri diplomatici e appuntamenti con i ministri di governo. Del resto l’aveva dichiarato già durante la campagna elettorale: «Sembrate sempre colpiti quando le mogli stanno a fianco dei loro mariti, sarà tempo di evolversi un po’, è il nostro posto». E il suo Emmanuel sicuramente non la ostacola. Anzi. Il lancia un messaggio forte: Brigitte deve avere una funzione pubblica. Una presa di posizione necessaria per uscire da quella che lui chiama «l’ipocrisia francese». Un’ipocrisia fatta di fiumi di parole e foto sulla première dame pubblicati quasi quotidianamente sui giornali, nonostante non abbia nessun compito specifico. Durante la corsa alla presidenza questo è stato terreno di scontro con Marine Le Pen, che contrariata sosteneva addirittura di non voler far abitare il compagno all’Eliseo, per non gravare sulla spesa pubblica. «Non sarà remunerata dallo Stato. Penso che sia importante attenersi a questa regola, ma Brigitte avrà visibilità, voce e attenzione. Avrà un ruolo pubblico perché è ciò che rappresenta e se così non fosse sarebbe sbagliato», ha risposto l’allora futuro presidente.
E così è stato. D’altronde vista la sua personalità, è difficile che Madame Macron non lasci il segno. Lo sa bene il personale di palazzo, che apprezza particolarmente il suo modo di fare, battezzato come «Brigitte Touch». Il suo costante buonumore e le attenzioni che dà a chi le sta intorno fanno bene all’Eliseo. Non solo. Sono un’arma per la stessa Brigitte nello svolgimento del suo lavoro: «La sua allegria la protegge dalla pressione», dicono.

AFP_PN55QGIORNATE PIENE TRA POLITICA E DIPLOMAZIA
Il suo ufficio si trova nell’ala Est del palazzo presidenziale. Una stanza luminosa con un grande parquet chiaro che si affaccia sul giardino. Chiamata anche ‘stanza blu’, è già stata il quartier generale di altre first lady. La sua giornata inizia alle nove del mattino con la lettura delle 140 mail e lettere ricevute ogni giorno. Circa il doppio rispetto a quelle che arrivavano a Carla Bruni-Sarkozy, come confida un collaboratore al quotidiano Le Parisien. Poi viene il bello. Perché la vera missione attuale della première dame è quella di trovare la sua vocazione. Al momento le materie più quotate, a giudicare dai ministri con cui si intrattiene, sarebbero educazionecultura salute (sembra avere particolarmente a cuore il problema dell’autismo). Il suo lavoro, però, si svolge soprattutto lontano dalla scrivania. D’altronde la sua agenda è, comprensibilmente, piena di incontri diplomatici, che le lasciano sempre meno tempo per la sua famiglia. Lei però non molla e da brava donna intraprendente riesce comunque a trovare il modo di far combaciare la vita privata con quella professionale. In fondo basta poco. Per esempio una grigliata di pesce nei giardini dell’Eliseo.
Osservando il suo impegno è impossibile non notare le differenze che ci sono tra la coppia presidenziale americana e quella francese. Nel primo caso la first lady Melania Trump che sembra quasi un trofeo da sfoggiare in alcune occasioni ufficiali (in cui appare spesso imbronciata). Nell’altro la première dame è stata indispensabile al successo del compagno, come lui ha sempre sottolineato da quando stanno sotto i riflettori. Questo approccio agli antipodi nei confronti delle mogli riflette, tra l’altro, la diversa sensibilità che i due leader hanno finora dimostrato verso le elettrici e i loro problemi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , , Data: 13-07-2017 12:42 PM


Una risposta a “Première dame a chi?”

  1. Robert scrive:

    Vorrei sapere il significato di “prémière”e da dove salta fuori questa espressione francese. Per conto mio, “first lady’ oppure “première dame” sono espressioni simili. Ma che c’entra “prémière”?

Lascia un Commento

*