Messaggi dall'inferno

Intrappolate nella Grenfell Tower, tante persone hanno chiesto aiuto o detto addio ad amici e parenti con chiamate, sms e post sui social network. Ecco alcune storie.

grenfell towerLa chiamata fatte al padre da Marco Gottardi, che con la fidanzata Gloria Trevisan è tra i dispersi della Grenfell Tower, è solo uno dei tanti messaggi che gli inquilini del grattacielo hanno inviato ad amici e parenti, una volta resosi contro di essere rimasti intrappolati nell’incendio. Tra le vittime ci sono Nura Jemal e il marito Hashim Kedir, rimasti per ore ad aspettare i soccorsi, visto che i vigili del fuoco avevano consigliato di non uscire dagli appartamenti. «Quando mi ha chiamata erano passate le due e sapeva che non poteva più scappare. Mi ha detto: ‘Addio. Il fuoco è qui, sto per morire’», ha raccontato al Daily Mail Asyia Assani, un’amica della donna.

LA DIRETTA DEL TERRORE
La 30enne Rania Ibrham ha invece condiviso i suoi ultimi momenti con una diretta Facebook in cui cerca aiuto nel corridoio invaso dal fumo, per poi chiederlo affacciandosi dal suo appartamento. Tra le vittime c’è poi l’artista Khadija Saye, 24 anni e lavori esposti anche alla Biennale di Venezia. «Per favore, pregate per me», ha scritto in un messaggio agli amici. Una di loro, Nicola Green, ha raccontato: «Su Facebook ha scritto che non riusciva ad uscire dall’appartamento e che stava per svenire».

L’ADDIO SU SNAPCHAT
La stessa sorte è toccata alla 12enne Jessica Urbano. Intrappolata in un corridoio al 20esimo piano, all’1.40 ha chiamato la madre, che stava tornando a casa dal turno come donna delle pulizie: «Non sappiamo cosa fare». All’ultimo piano, il 27esimo, abitavano invece Rania Ibrham e i suoi due figli. Alle 3 di notte, la donna ha inviato un videomessaggio Snapchat a un’amica: «Perdonatemi tutti, addio». Straziante anche il messaggio inviato da una teenager al suo ragazzo: «Non ce la faremo, ti amo». La giovane è ancora dispersa, come le sorelline, i genitori e la nonna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , Data: 15-06-2017 12:28 PM


Lascia un Commento

*