La lottatrice che viene dal Marocco

Dopo un'intera carriera nel judo, il 24 giugno Rizlen Zouak esordisce come professionista nelle arti marziali miste. Con il sogno di sbarcare negli Stati Uniti e diventare un esempio per le sue connazionali.

Dopo quattro titoli di campionessa d’Africa e due partecipazioni ai Giochi Olimpici, la judoka marocchina Rizlen Zouak ha detto addio al tatami ed è finita in gabbia. Tranquilli, niente di negativo. Ha solo cambiato sport e, prima della sua nazione, si appresta a combattere come professionista nelle arti marziali miste. L’esordio è di tutto rispetto: il 24 giugno affronta infatti a Bournemouth la nordirlandese Leah McCourt (ex cintura nera di Judo), campionessa d’Europa e del mondo della International Mixed Martial Arts Federation. A rendere tutto ancor più eccezionale, il fatto che Rizlen, nata 14 maggio 1986 a Beaune, in Francia, si allena come lottatrice da appena sei mesi.

DUE ALLENATORI DOC
Se la ‘conversione’ di Rizlen Zouak è cosa recente, va detto che non è proprio una parvenu. Da tre anni, infatti, si allena nella palestra parigina MMA Factory, frequentata dai più grandi nomi delle arti marziali miste francesi: «L’ho scelta per prepararmi al meglio fisicamente. Poi, a forza di osservare gli allenamenti dei lottatori, mi sono convinta a provare e mi è piaciuto subito», ha spiegato ad HuffPost Maroc. Ad allenarla Fernand Lopez, proprietario della palestra, e il lottatore Christian M’Pumbu, che è anche il suo coach personale. L’obiettivo? «Diventare un punto di riferimento nelle MMA femminili. La strada sarà lunga, ma può cominciare vincendo questo primo incontro». Organizzato dalla britannica Cage Warriors Fighting Championship, può essere il primo passo per Rizlen verso gli eventi della statunitense Ultimate Fighting Championship, la più prestigiosa (e remunerativa) organizzazione di arti marziali miste.

UN ESEMPIO DA SEGUIRE
«Il Marocco ha un grande potenziale negli sport di combattimento. Per ora non ci sono lottatrici. Ma so che in tante si allenano ‘nell’ombra’, perché vedo le loro foto su Instagram», ha detto Rizlen Zouak. Che, già esempio per le sue connazionali, se riuscisse a sfondare davvero nelle arti marziali miste potrebbe diventarlo ancora di più. Anche con i fatti: tra i suoi progetti c’è infatti l’apertura di una palestra per le MMA in Marocco.

Immagine anteprima YouTube
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, video Argomenti: , , Data: 13-06-2017 03:00 PM


Lascia un Commento

*