Cellulari, tumori e dubbi

La sentenza del tribunale di Ivrea stabilisce che c'è un nesso, ma dal mondo scientifico arriva la smentita. Intanto, per stare tranquilli, ecco dieci accorgimenti da seguire.

TELEFONIA RICARICHE SENZA TASSA DI TRAFFICOLa legge dice sì, la scienza dice no. Da una parte c’è il tribunale di Ivrea, che ha riconosciuto a Roberto Romeo una rendita per aver sviluppato un tumore benigno, causato secondo la sentenza dall’uso eccessivo del telefono cellulare. Dall’altra, però, c’è la voce di Alessandro Vittorio Polichetti dell’Istituto Superiore di Sanità, esperto di salute e campi elettromagnetici, che nega recisamente il legame tra cellulare e tumori: «Nessuna prova».

CHE COSA DICE IL TRIBUNALE
Roberto Romeo ha 57 anni. Per 15 anni il suo lavoro l’ha costretto ad utilizzare il cellulare per almeno tre ore al giorno, senza protezioni. E questo, secondo il tribunale, avrebbe causato un tumore benigno ma invalidante: «Per 15 anni ho fatto innumerevoli telefonate anche di venti e trenta minuti, a casa, in macchina. Poi ho iniziato ad avere la continua sensazione di orecchie tappate, di disturbi all’udito. E nel 2010 mi è stato diagnosticato il tumore. Ora non sento più nulla dall’orecchio destro perché mi è stato asportato il nervo acustico», ha spiegato all’Ansa Romeo.

CHE COSA DICE LA SCIENZA
Ma nonostante la correlazione stabilita dal tribunale, nella comunità scientifica persistono ancora molti dubbi. Come ha spiegato il dottori Polichetti all’Huffington Post, «La correlazione tra questo tipo di radiazioni e l’insorgenza di tumori non è stata dimostrata né in un verso né nell’altro. Anzi, dopo la valutazione dell’IARC sono stati condotti altri studi epidemiologici che tendono a diminuire ancora le evidenze scientifiche a favore di una correlazione». La classificazione dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, infatti, include i campi magnetici dei cellulari tra gli elementi possibilmente cancerogeni, e non sicuramente tali. Ci sono dei vaghi sospetti, insomma, ma nessuna evidenza scientifica vera e propria.

IN TUTTA SICUREZZA
Per chi non si sente sicuro, comunque, esiste un decalogo pubblicato sul sito web del Ministero della Salute, che dà una serie di dritte per ridurre al minimo i rischi. Eccoli:

1. effettuare telefonate preferibilmente in condizioni di alta ricezione del segnale e in zone ad alta copertura dalle reti di telefonia mobile;

2. utilizzare sistemi a “mani libere” (auricolari e sistemi viva-voce);

3. ridurre le telefonate non necessarie;

4. utilizzare messaggi di testo;

5. limitare alle situazioni di necessità l’uso del telefono in auto e durante la guida, anche ove si utilizzino sistemi in viva voce e a mani libere. È dimostrato che l’uso telefono cellulare durante la guida di veicoli aumenta il rischio di incidenti stradali, diminuendo la capacità di attenzione del conducente;

6. presentare ai bambini il telefono come uno strumento di comunicazione da usarsi nelle situazioni di necessità, e non come un comune oggetto di gioco;

7. non fare uso di dispositivi commerciali pubblicizzati come in grado di ridurre i livelli di esposizione del telefono, la cui efficacia non è in realtà mai stata dimostrata ed anzi possono sortire l’effetto contrario;

8. non tenere il cellulare acceso negli ospedali (attenersi alla segnaletica), o dove sono presenti apparecchiature elettromedicali;

9. per i portatori di pace-maker o di altri dispositivi medici attivi, non mantenere il telefono in prossimità o a contatto con l’impianto (ad esempio nel taschino della giacca sul lato dell’impianto stesso) così da prevenire eventuali interferenze sul corretto funzionamento del dispositivo;

10. prestare particolare attenzione all’uso del telefono in strada, soprattutto in relazione alla lettura e scrittura di messaggi di testo. L’uso in strada del telefono può comportare una forte diminuzione del livello di attenzione verso l’ambiente esterno e concorrere al verificarsi di incidenti e investimenti, con conseguenze potenzialmente molto gravi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 20-04-2017 07:28 PM


Lascia un Commento

*