Scrittrici Strega(te)

Tra i 12 candidati al premio letterario ci sono anche quattro donne: Teresa Ciabatti, Wanda Marasco, Chiara Marchelli e, insieme al marito Francesco Storti, Rita Monaldi. Ecco chi sono.

candidate premio stregaSono quattro, su 12 candidati, le donne in lizza per il Premio Strega 2017. Anzi, per la precisione sono tre e mezzo, perché tra le ‘nomination’ c’è anche una coppia, quella formata da Rita Monaldi  e Francesco Sorti, che hanno scritto a quattro mani Malaparte. Morte come me. Le altre tre donne che il 6 luglio potrebbero aggiudicarsi il prestigioso premio sono Teresa Ciabatti con La più amata, Wanda Marasco, autrice de La compagnia delle anime ferite, e Chiara Marchelli, che ha pubblicato Le notti blu. Scopriamole meglio.

teresa-ciabatti-1TERESA CIABATTI
Nata a Orbetello nel 1975, la toscana Teresa Ciabatti ha esordito come scrittrice nel 2002 con Adelmo, torna da me, caso letterario da cui nel 2006 è stato poi tratto L’estate del mio primo bacio, diretto da Carlo Virzì, fratello del più celebre Paolo. E proprio con il cinema Teresa Ciabatti ha un rapporto molto stretto, visto che nel corso degli anni ha lavorato alla sceneggiatura di diverse pellicole: tra di esse Tre metri sopra il cielo, Ho voglia di te, La donna della mia vita e La parrucchiera, uscita nelle sale ad aprile del 2017. Quattro i romanzi pubblicati: dopo quello d’esordio sono arrivati I giorni felici, Il mio paradiso è deserto e, appunto, La più amata. Edito da Mondadori, è un libro autobiografico, che affronta il complicato rapporto della scrittrice con i genitori e il suo personale percorso di ‘liberazione’. È lei la grande favorita per il Premio Strega.

efWANDA MARASCO
Poetessa prima che romanziera, la napoletana Wanda Marasco ha esordito nel mondo della letteratura con Gli strumenti scordati, raccolta di poesie pubblicata nel 1977. Aveva 24 anni e da allora ne sono passati 40, in cui si è cimentata, oltre che come scrittrice, anche come attrice, regista e insegnante di lettere, in un istituto tecnico di Scampia. Diplomata in Regia e Recitazione all’Accademia d’arte drammatica Silvio D’Amico di Roma, a partire dal 1981 ha messo in scena varie pièce, tra cui L’Asino d’oro di Apuleio, Quei fantasmi del presepe, rivisitazione del teatro di Eduardo De Filippo, e Giorni felici di Samuel Beckett. Il suo romanzo d’esordio è stato L’arciere d’infanzia, che nel 2004 si è aggiudicato il Premio Bagutta per la sezione Opera Prima, a cui hanno fatto seguito Il genio dell’abbandono e La compagnia delle anime ferite. Con questo libro, pubblicato da Neri Pozza, Wanda Marasco racconta Napoli e i suoi segreti, con una messa in scena corale delle tante anime che ne popolavano i vicoli, e una narrazione in cui non mancano soprusi subìti e inferti, fragilità e cruda ferocia.

chiara marchelliCHIARA MARCHELLI
Nata ad Aosta e laureata a Venezia in Lingue Orientali, Chiara Marcelli ha vissuto in Belgio e in Egitto, prima di trasferirsi nel 1999 a New York, città dove vive ancora oggi e dove insegna italiano, traduzione e scrittura creativa all’università. Cittadina statunitense, collabora come editor, copywriter e traduttrice con varie agenzie e case editrici, americane e italiane. Ma fa anche radio, visto che insieme a Vito Cioce ha condotto la trasmissione letteraria Plot Machine su RaiRadio1. Il suo romanzo d’esordio è stato Angeli e cani, dato alle stampe nel 2003, seguito da Sotto i tuoi occhi, L’amore involontario,  Il mio amore per te e Le notti blu, pubblicato da Giulio Perrone Editore. Al centro del libro ci sono Michele e Larissa, italiani a New York (proprio come l’autrice), una coppia che deve affrontare il più terribile dei lutti.

monaldi stortiMONALDI&STORTI
Marito e moglie nella vita, fanno coppia anche nella scrittura Rita Monaldi (classe 1966) e Francesco Storti (classe 1964). Vivono a Vienna. Il loro primo romanzo è Imprimatur, uscito con Mondadori nel 2002, e dichiarato fuori catalogo dopo aver venduto, in Italia, tra le 8 e le 10 mila copie. Gli autori in seguito denunciarono un boicottaggio dalle case editrici italiane le quali, su presunta pressione vaticana (che non avrebbe gradito la pubblicazione di fatti storici riguardanti le trame di papa Innocenzo XI), ne evitarono la ripubblicazione nonostante il successo conseguito. Nel settembre del 2015 è stato rilanciato da Baldini&Castoldi. Più avanti gli autori hanno pubblicato – solo e sempre all’estero – altri 9 romanzi, tra cui Secretum nel 2004 e Veritas nel 2006, sequel di Imprimatur. Nel 2016 è il turno di Veritas e, appunto, il candidato allo Strega Malaparte. Morte Come Me, uscito in anteprima mondiale in Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , , Data: 20-04-2017 04:10 PM


Lascia un Commento

*