L'Anna Frank siriana sta con Trump

La piccola Bana Al-Abed, che da settembre 2016 twitta gli orrori della guerra, ha espresso il suo appoggio al presidente degli Stati Uniti. «È il momento di punire gli assassini di bambini».

a_ov_bana_161004.nbcnews-ux-1080-600Si chiama Bana Al-Abed, ha 7 anni, e da settembre 2017 twitta in diretta, con l’aiuto della madre, gli orrori della guerra in Siria. Qualcuno l’ha anche definita la ‘Anna Frank siriana’. «Mi chiamo Bana, ho sette anni. Questo è il mio ultimo istante di vita. Forse morirò»: così Bana aveva scritto il 13 dicembre scorso, nel pieno di una delle più intense campagne di bombardamento. In quelle settimane, la sua storia si è diffusa molto sul web: JK Rowling ha condiviso i tweet della bambina, attirando su di lei l’attenzione di migliaia di utenti nel mondo. Un’attenzione che certo non è piaciuta al regime siriano ma che, allo stesso tempo, le ha permesso di fuggire in Turchia, dove da dicembre vive come altri tre milioni di siriani.

IL SUPPORTO A TRUMP
Dopo il disumano attacco chimico sferrato il 4 aprile nella provincia di Idlib, Donald Trump non ci ha pensato due volte e ha attaccato con 59 missili la base aerea da cui sarebbero partiti i raid chimici del regime. E ha invitato il mondo a unirsi agli Stati Uniti. La piccola Bana ha manifestato, in un tweer, il suo supporto al presidente degli Stati Uniti: «Sono una bambina siriana che soffre a causa di Bashar al Assad & Putin. Accolgo l’azione di Donald Trump contro gli assassini del mio popolo», ha scritto. E poi ancora: «Putin e Bashar al Assad hanno bombardato la mia scuola, ucciso i miei amici e derubato la mia infanzia. È il momento di punire gli assassini di bambini in Siria».

L’IMPORTANZA DI PROTEGGERE I BAMBINI DELLA SIRIA
Non è la prima volta che Bana si rivolge, tramite i social, al presidente Usa. In un video aveva detto: «Ciao, Mr. Trump. Sei mai stato senza cibo e senza acqua per 24 ore? Pensa ai rifugiati e ai bambini della Siria. La piccola si era rivolta al magnate anche dopo il controverso Muslim Ban, chiedendogli: «Sono una terrorista?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, video Argomenti: , Data: 07-04-2017 12:40 PM


Lascia un Commento

*