«Lasciatemi rappare (con il velo in testa)»

Mona Haydar ha inciso un brano che difende il diritto di portare l'hijab.

talkDopo l’attentato di Parigi e la strage di San Bernardino, Mona Haydar era scesa in strada per far capire agli americani, che non tutti i musulmani sono terroristi, ma persone come le altre. Lo aveva fatto offrendo caffè, ciambelle e chiacchiere ai suoi concittadini. Adesso, per combattere l’islamofobia, la statunitense di origine siriana ha inciso addirittura una canzone.

Immagine anteprima YouTube
IL DEBUTTO NEL RAP
Il 27 marzo è stato celebrato per la prima volta negli Stati Uniti la Giornata della Donna Musulmana. Per l’occasione, Mona ha debuttato nei come rapper lanciando il video di Hijabi, brano che difendere il diritto delle donne musulmane di portare il velo, diritto che per legge sarà presto negato per esempio in Austria (insieme alla distribuzione del Corano).

POETA E ATTIVISTA
Mona Haydar non è certo una rapper convenzionale. Ma non è nemmeno la classica donna musulmana. Sul suo sito ufficiale si definisce «poeta, attivista, permacultrice, meditatrice, devota del compostaggio, ragazza di montagna, amante dell’energia solare e instancabile entusiasta di Dio». Cresciuta a Flint, in Michigan, si è laureata all’Università del Michigan per poi trasferirsi a Damasco, dove ha studiato la spiritualità araba e islamica. Tornata dall’altra parte dell’oceano, è andata a vivere prima nella comune di Lama Foundation, in Messico, e poi nella foresta di Redwood, in California, insieme al marito Sebastian Robins e a loro figlio. Impegnata costantemente contro l’islamofobia e la difesa della cultura araba, Mona è spesso ospite di incontri e convegni. Attualmente, sta lavorando alla sua seconda raccolta di poesie.

LE RIME DI MONA
Nel testo di Hijabi, traducendo, si può leggere: «Non ti fa sudare? Non è troppo stretto? Scommetto che i tuoi capelli sono belli, quanto sono lunghi?» e «Siamo nate negli Anni ’80, belle come l’Eufrate e facciamo festa come certi kuwaitiani», mentre nell’ultima strofa Mona elenca le possibili nazionalità di donne musulmane. Quanto al ritornello, è ribadito più volte l’orgoglio di portare il velo: «Anche se lo odi, continuo ad avvolgere il mio hijab». Ecco il testo completo:

What that hair look like
Bet that hair look nice
Don’t that make you sweat?
Don’t that feel too tight?
Yo what yo hair look like
Bet yo hair look nice
How long your hair is
You need to get yo life
You only see Oriental
You steady working that dental
You poppin off at the lip
And run ya mouth like a treadmill
Not your exotic vacation
I’m bored with your fascination
I need that PayPal, PayPal, PayPal
If you want education

All around the world
Love women every shading
be so liberated
All around the world
Love women every shading
power run deep
So even if you hate it
I still wrap my hijab
Wrap my hijab
Wrap my hijab
Wrap, wrap my hijab

Keep swaggin my hijabis
Swag-Swaggin my hijabis
Swaggin my hijabis
Swag-swaggin my hijabis

Me and my hijabi ladies
We was born in the Eighties
So pretty like the Euphrates
and party like some kuwaitis
Deeper than some diplomas
Current like some hot yoga
Takin back the misnomers and
Teleportin through trauma
Teleportin through trauma
Teleportin through trauma
I been stackin my karma
Nefertiti, no drama
Make a feminist planet
Women haters get banished
Covered up or not don’t ever take us for granted

All around the world
Love women every shading
be so liberated
All around the world
Love women every shading
power run deep
So even if you hate it
I still wrap my hijab
Wrap my hijab
Wrap my hijab
Wrap, wrap my hijab

Keep swaggin my hijabis
Swag-Swaggin my hijabis
Swaggin my hijabis
Swag-swaggin my hijabis

You’re just jealous of my sisters
These Mipsters, these hippies
These Prissies, these Sufis
These Dreddies, these Sunnis
These Shii’s, Yemenis
Somalis, Libnanis, Pakistanis
These Soories, Sudanis
Iraqis, Punjabies
Afghanis, Yazeedis
Khaleejis, Indonesians
Egyptians, Canadians
Algerians, Nigerians
Americans, Libyans
Tunisians, Palestinians
Hidden beyond the Mekong in Laos
Senegalese and Burkina Faso

Wrap my hijab
Wrap my hijab
Wrap, wrap my hijab

Keep swaggin my hijabis
Swag-Swaggin my hijabis
Swaggin my hijabis
Swag-swaggin my hijabis

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, video Argomenti: Data: 29-03-2017 12:45 PM


Lascia un Commento

*