Capodanno all'iraniana

In persiano significa il nuovo giorno. Ma il Nowruz è la festività che, da 3.000 anni a questa parte, celebra l'avvento del nuovo anno. Cade sempre in primavera e ha regole ferree da seguire.

An Iranian woman holds a firecracker inLe giornate si allungano e il freddo dell’inverno lascia il posto a un timido ma caldo sole. E cosa dire della natura intorno a noi pronta a risvegliarsi dopo un lungo letargo? L’arrivo della primavera è sempre un momento speciale. E in Iran lo è addirittura di più dato che segna anche i festeggiamenti del Nowruz. Ovvero, in antico persiano, il nuovo giorno. Una sorta di capodanno antichissimo con cui gli iraniani festeggiano l’arrivo del nuovo anno. Insomma la celebrazione del futuro che affonda però le sue radici nel passato.

FESTA ANTICA
Celebrato da più di 3.000 anni,  questa festa incarna l’arrivo del nuovo che avanza. Quindi una sorta di capodanno dell’antica Persia. E la sua corrispondenza con l’equinozio di primavera, ovvero una sorta di rinascita, non pare essere una casualità. Il Nowruz affonda le sue radici nel Zoroastrismo, la religione diffusa in Iran fino alla conquista araba dell’impero persiano, avvenuto nel VII secolo dopo Cristo. Il nome deriva da Zaratustra, suo fondatore e profeta.

TRA ASIA ED EUROPA
Storicamente il Nowruz non è festeggiato solo in Iran. Questo particolare capodanno nel tempo ha superato i confini iraniani attraversando i territori del Medioeriente per spingersi sino ai Balcani, passando per Caucaso e aslcune zone dell’Asia. Ecco che Paesi come Afghanistan, Albania, India, e Pakistan sono soltanto alcune delle (più impensabili) nazioni coinvolte.

DATE INCERTE
E se da una parte le celebrazioni del Nowruz segnano l’inizio della primavera, dall’altra la data esatta varia di anno in anno in funzione del calendario solare. Il 20 marzo 2017 il Paese ha così celebrato l’anno iraniano 1396.

FESTEGGIAMENTI MEDITATI
Nonostantele celebrazioni varino di Paese in Paese, ad accomunarli è però la lunga e meticolosa preparazione. Di solito il martedì precedente l’arrivo del nuovo anno viene acceso un grande falò per ricordare i propri defunti. Anche la cura della casa è fondamentale per quel giorno: le donne infatti si dedicano alla pulizia dell’abitazione gironi prima dell’arrivo del capodanno. Il Nowruz culmina poi con un banchetto chiamato Haft Sin. Non un pranzo qualsiasi dato che sulla tavola vengano serviti sette alimenti che iniziano con la lettera s. In particolare mele (sib), aglio (sir) e una specie di budino (samanu).

GIORNATA RICONOSCIUTA
A consacrare definitivamente il Nowruz a livello internazionale ci ha pensato nel 2009 l’Unesco che lo ha inserito nella lista dei Patrimoni mondiali dell’umanità.  Nel 2010 è stata invece la volta dell’Onu, mentre nel 2016 il Canada lo ha inserito per legge tra le festività nazionali.

BABBO NOWRUZ
E come ogni festività che si ripsetti, anche questa ha il suo personaggio folkloristico. Una sorta di nostrano Babbo Natale. Tanto nell’aspetto quanto nella funzione. Il suo nome è Haji Firooz e, con la sua faccia truccata di nero e i vestiti rossi, intrattiene i passanti e i bambini in cambio di qualche monetina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 21-03-2017 03:44 PM


Lascia un Commento

*