Pelle in piena luce

di Stefania Maroni
Il sole di primavera mette in evidenza ogni più piccola imperfezione cutanea. E il semplice fondotinta non basta. Ecco come affrontarlo, senza timore e con i prodotti giusti, a viso aperto.

Beautiful natural woman in the garden of appleSe pensate che per mimetizzare le piccole imperfezioni della pelle il fondotinta sia sufficiente, vi sbagliate. Certo, resta sempre un alleato prezioso, che rende la carnagione più lucente, ma non basta: deve essere applicato su una ‘base’ il più possibile uniforme, soprattutto nelle luminose giornate primaverili, che mettono sotto la lente di ingrandimento la pelle del nostro viso. Come possiamo ottenerla? Anzitutto debellando gli inestetismi più comuni (nella gallery abbiamo raccolto una selezione di cosmetici in grado di svolgere azioni specifiche, mirate a risolvere ogni singolo problema della pelle).

MAI PIÙ ROSSORI
Partiamo da un fatto molto comune: quando la pelle si arrossa con facilità, significa che è ipersensibile, ovvero che risponde in modo esagerato alle sollecitazioni esterne, anche se non particolarmente aggressive. Le pelli di questo tipo sono anche le più soggette alla couperose, a causa della frequente dilatazione dei capillari provocata dal maggior afflusso di sangue che, alla lunga, ne sfianca le pareti. Le formule cosmetiche più indicate sono a base soprattutto di sostanze vasoprotettrici e antinfiammatorie, come la vitamina PP e l’estratto di liquirizia, associate a principi attivi capaci di rinforzare il film idrolipidico cutaneo, per esempio alcuni oli vegetali.

VIA LE MACCHIE SCURE
Passiamo dal rossore alle macchie: causate da una produzione disordinata di melanina, sollecitata dai raggi UVA, le macchie brune, fino a una decina di anni fa, comparivamo dopo la menopausa. Adesso, a causa dell’assottigliamento della barriera di ozono, che lascia filtrare una quantità maggiore di raggi solari, possono apparire a partire dai 35-40 anni. Se sono solo accennate, funzionano bene i cosmetici dall’azione schiarente e arricchiti con inibitori della melanina. Se invece sono molto accentuate, si possono eliminare con il laser frazionato CO2, che viene utilizzato con successo anche per la rimozione delle macchie lasciate dall’acne.

ADDIO AL GRIGIORE
Nonostante un’accurata pulizia quotidiana, è difficile rimuovere completamente dal viso le sostanze inquinanti presenti nell’aria, in particolare le polveri sottili, che tendono ad annidarsi in profomndità e a rallentare il rinnovamento cellulare, rendendo il colorito grigiastro e i pori più visibili. Per restituire alla pelle luminosità e compattezza, occorre liberarla dalle cellule morte, purificarla e ricaricarla di energie, per consentirle di rinnovarsi più rapidamente. È questo lo scopo delle creme rigeneranti, nelle cui formule entra spesso il burro di karité associato a principi attivi delicatamente esfolianti. Un altro componente di punta delle creme rigeneranti è la vitamina C. Per potenziare l’azione delle creme, si può ricorrere a un peeling a media concentrazione di acido glicolico, praticato in tutti gli istituti di bellezza.

NO A PUNTI NERI E BRUFOLETTI
Le pelli miste o grasse, inevitabilmente sono soggette a brufoletti e punti neri. L’eccesso di sebo, infatti, ristagna nei pori e, quando affiora, si ossida, formando il punto nero. Se invece rimane all’interno del poro, crea infiammazione e provoca la comparsa del brufolo. Per evitare questi processi, è indispensabile riequilibrare le secrezioni sebacee. Alla base delle formule cosmetiche più efficaci troviamo l’acido salicilico, i lipoidrossiacidi e il proctone olamina, che agiscono sui batteri responsabili delle imperfezioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery Argomenti: , , , , , , , , , Data: 18-03-2017 10:00 AM


Lascia un Commento

*