Senti come suona l'emancipazione

Indipendenti, decise, disarmanti, estremamente combattive. La forza delle donne è stata raccontata anche nella musica. In occasione dell'8 marzo, ecco i nostri 10 brani preferiti.

canzoni donneNon è un mistero: la vita delle donne è sempre stata più complicata di quella degli uomini. Tra oppressioni, diritti negati, violenze, umiliazioni e chi più ne ha più ne metta. Eppure – ogni cosa ha i suoi lati positivi – è stato forse anche ‘grazie’ ai soprusi subiti nei secoli che le donne sono riuscite a diventare quello che vediamo oggi: indipendenti, decise, disarmanti, estremamente forti e combattive. Nonostante tutto. Una forza e una voglia di lottare che, negli anni, hanno sottolineato anche attraverso l’arte. Nella musica, ad esempio. Tantissime le artiste che hanno voluto cantare la loro e di tutte voglia di emancipazione. Per l’8 marzo, ecco otto dei nostri brani preferiti sulla forza delle donne.

Immagine anteprima YouTube

THESE BOOTS ARE MADE FOR WALKIN’
Questi stivali sono fatti per camminare/ ed è esattamente quello che faranno/ uno di questi giorni questi stivali/ cammineranno sopra di te.
Nel 1966 usciva These Boots Are Made for Walkin’, di Nancy Sinatra. Un brano rimasto nella storia che parla di una donna in cerca di una rivincita davanti a un uomo che l’ha delusa. Musica incalzante e voce spietata. 7+

Immagine anteprima YouTube

LA BAMBOLA
No ragazzo no/ Tu non mi metterai/ Tra le dieci bambole/ Che non ti piacciono più. Come non citare La Bambola dell’immensa Patty Pravo? Il disco fu pubblicato nel 1968 e rimase per ben nove settimane al primo posto dei dischi più venduti d’Italia. Un atto di ‘ribellione’ a un uomo che pensa di poter trattare la donna che lo ama come un oggetto. 

Immagine anteprima YouTube

VIVA LEI
Evviva lei, che non lo ascolta mai, che non gli crede mai/ che anche senza te sorride, dorme e va/ e sopravviverà. Mina in Viva lei, racconta i sentimenti di una donna che elogia la nuova compagna del suo ex. Una piccola vendetta, per le mani di un’altra, che dovrebbe essere rivale e invece diventa inconsapevole ‘alleata’. «Che gli renderà tutto il male che lui ha fatto a me/ gli insegnerà che sapore ha l’infelicità».

Immagine anteprima YouTube

I WILL SURVIVE
Composta da Freddie Perren e Dino Fekaris, è stata interpretata e resa nota da Gloria Gaynor nel 1978. Una donna ferita da un uomo che l’ha lasciata, al suo ritorno trova la forza di mandarlo via. Esci dalla porta/ vai a farti un giro perché non sei più/ il benvenuto qui/ non eri tu quello che ha cercato di ferirmi con un addio?/ pensavi che sarei crollata?/ pensavi che mi sarei buttata giù e sarei morta?/ oh, no, io sopravviverò.

Immagine anteprima YouTube

WOMAN
Woman
 di John Lennon (1980) è una canzone per dire ‘grazie’ alle donne e ammettere, sottolineare, la loro importanza: Donna, so che tu comprendi/ Il bambino che è nell’uomo/ Ti prego, ricordati che la mia vita è nelle tue mani/ E donna, tienimi stretto al tuo cuore.

Immagine anteprima YouTube

NON SONO UNA SIGNORA
Di Loredana Bertè, anche Non sono una signora è un brano indimenticabile che racconta della difficoltà che molte donne devono affrontare nel corso della loro vita. Non sono una signora/ Una con tutte stelle nella vita/ Non sono una signora/ Ma una per cui la guerra non è mai/ Finita. Scritto da Ivano Fossati e uscito nel 1982, il brano ebbe grandissimo successo.

Immagine anteprima YouTube

GIRLS JUST WANT TO HAVE FUN
Scritta da Robert Hazard nel 1979, Girls just want to have fun è stata riadattata da Cyndi Lauper, e pubblicata nel 1983. Il video del brano è diventato un vero cult. Nel video Cyndi attraversa tutte le fasi della vita di una donna, trascinando un gruppo di giovani di tutte le classi sociali con lei in giro per New York, in una vera e propria marcia femminista. 

Immagine anteprima YouTube

DONNA
Contro la violenza, i soprusi, gli stupri che molte donne sono costrette ancora a subire, Mia Martini con Donna, brano del 1989 scritto da Enzo Gragnaniello. Donna come l’acqua di mare/ chi si bagna vuole anche il sole/ chi la vuole per una notte/ c’è chi invece la prende a botte.

Immagine anteprima YouTube

SIAMO DONNE
«Siamo donne, oltre alle gambe c’è di più».
Così cantavano Joe Squillo e Sabrina Salerno al Festival di Sanremo 1991: durante l’evento il brano non fu accolto al meglio, ma si rifece subito dopo, conquistando la posizione numero 11 nella classifica dei singoli più venduti.

Immagine anteprima YouTube

RAPE ME
Ancora contro la violenza sulle donne, non si può non citare Rape me, bellissimo ed emozionante brano dei Nirvana. Brano uscito 1993, contro lo stupro, fu inizialmente mal interpretato. Un urlo di rabbia, paura, e amore. Bellissimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, video Argomenti: , , Data: 08-03-2017 12:19 PM


Lascia un Commento

*