Zara sbanda in curva

Ha fatto discutere la campagna della casa di moda spagnola che associa il claim «Love your curves» a due modelle che formose non sono. Ma non era un errore.

«Hanno messo il claim sull’immagine sbagliata». A vedere questa pubblicità di Zara, con la scritta «Ama le tue curve» e due ragazze decisamente non curvy, è normale che il primo pensiero sia questo, o qualcosa di simile. L’ipotesi è probabilmente venuta in mente anche alla speaker radiofonica Muireann O’Connell, che ci si è imbattuta a Dublino. Accertato il fatto che non si trattava di un errore, ha fatto una foto e l’ha pubblicata su Twitter, commentando (l’espressione in inglese risulta più colorita): «Stai scherzando, Zara?».

Il tweet di Muireann O’Connell e la foto della pubblicità di Zara sono diventati virali, con oltre 9800 retweet e quasi 20mila like. Come sempre accade sui social, oltre all’indignazione non è mancata l’ironia. «Sto cercando una ragazza curvy in questa immagine», scrive ad esempio Kirsty MacLeod.

Si sa che la moda ha parametri tutti suoi. E in un certo senso, visto che è un mondo più chiuso, è normale che abbia regole più restrittive. Ma almeno la moda dei grandi store, quella di tutti insomma, non dovrebbe spingere così tanto il pedale della magrezza. Perché lancia messaggi sbagliati. Che senso ha, in una foto in cui a parte le naturali curve delle natiche di due ventenni, non ci sono appunto altre rotondità evidenti (e si presume ce ne siano il giusto anche sotto le magliette), scrivere «Love your curves»?. Indovinato: nessuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 01-03-2017 07:05 PM


Lascia un Commento

*