Il miglior attore di casa Affleck è lui

Ben ha vinto l'Oscar come sceneggiatore e produttore. Casey se l'è aggiudicato per l'interpretazione in Manchester by the Sea, squillo a sorpresa di una carriera vissuta un po' nell'ombra.

Gli Oscar sono così: ci arrivi da fratello minore e un po’ sfigato (si fa per dire) di Ben e ne esci con i galloni di miglior attore dell’anno, dopo aver battuto la concorrenza di Ryan Gosling. Ecco le cose da sapere su Casey Affleck, che si è aggiudicato l’ambitissima statuetta grazie alla sua interpretazione in Manchester by the Sea.

OLTRE 20 ANNI DI CARRIERA
Nato il 12 agosto 1975 nel Massachusetts, nonostante la faccia da ragazzino Caleb Casey McGuire Affleck-Boldt va per i 42 anni. E recita da più di 20: sul grande schermo esordisce nel 1995 con una parte in Da morire, diretto da Gus Van Sant.

Casey Affleck con il fratello Ben e Matt Damon in Will Hunting - Genio ribelle.

Casey Affleck con il fratello Ben e Matt Damon in Will Hunting – Genio ribelle.

UN INIZIO IN SECONDO PIANO
Nei primi anni di carriera, nonostante parentele e amicizie importanti, Casey Affleck fatica a emergere. Recita spesso a fianco del fratello Ben, ma mette insieme soprattutto piccole parti (compare addirittura in due film della serie American Pie), ruoli secondari come quello in Will Hunting – Genio ribelle o da protagonista in film indipendenti. Partecipa inoltre al film corale Ocean’s Eleven e nei suoi due sequel.

Casey con Summer Phoenix, sua moglie per dieci anni.

Casey con Summer Phoenix, sua moglie per dieci anni.

L’AMORE CON SUMMER
Nel 2000 inizia una relazione con Summer Phoenix, che l’amico Joaquin gli ha fatto conoscere qualche anno prima durante le riprese di Da morire. Nel 2004 hanno un figlio, Indiana August, si sposano nel 2006 e due anni dopo arriva il secondogenito Atticus. La coppia divorzierà poi nel 2016.

LA PRIMA NOMINATION
Il 2007 è per Casey Affleck l’anno della svolta mancata. Nel giro di pochi mesi viene diretto per la terza volta da Steven Soderbergh nella trilogia di Ocean’s, il fratello Ben gli affida il ruolo di protagonista in Gone Baby Gone e, al fianco di Brad Pitt, recita in L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford. Per questo ruolo arriva la nomination all’Oscar come miglior attore non protagonista (andato poi a Javier Bardem per Non è un paese per vecchi), ma la sua carriera non fa il definitivo salto di qualità.

Casey Affleck con l'allora cognato Joaquin Phoenix, protagonista del mockumentary.

Casey Affleck con l’allora cognato Joaquin Phoenix, protagonista del mockumentary.

IL MOCKUMENTARY CON JOAQUIN
In realtà, la carriera di Casey Affleck a questo punto regredisce. Per oltre due anni concentra i suoi sforzi nella regia del mockumentary Joaquin Phoenix – Io sono qui!, incentrato sulla finta transizione del cognato da stella di Hollywood a rapper.  Il film, in cui recita nel ruolo di se stesso, si rivela un fiasco.

LE ACCUSE DI MOLESTIE
Il mockumentary è per Casey un disastro su tutti i fronti: nel 2010 viene infatti denunciato per molestie sessuali prima dalla produttrice Amanda White e poi dalla fotografa Magdalena Gorka, con cui aveva diviso il set. L’attore riesce a trovare un accordo con le due donne che ritirano le accuse: per qualcuno, tutto grazie a soldi e alle sue amicizie importanti. Probabilmente anche per Brie Larson che, dopo avergli consegnato la statuetta, si è ben  guardata dall’applaudirlo. Ironia della sorte, l’attrice nel 2016 si era aggiudicata l’Oscar per l’interpretazione di una donna vittima di stupro in Room.

LA CONSACRAZIONE
Da questo momento in poi la carriera di Casey Affleck si risolleva, seppur lentamente: nel 2013 affianca Christian Bale ne Il fuoco della vendetta e Rooney Mara in Senza santi in Paradiso, nel 2014 ottiene una parte in Interstellar e viene diretto da Christiopher Nolan, mentre il 2016 (anno in cui arriva l’ufficialità del suo divorzio) inizia con un ruolo da coprotagonista L’ultima tempesta e prosegue con quello da assoluto protagonista in Manchester by the Sea. Il Golden Globe e il Bafta sono solo l’antipasto dell’Oscar, che si aggiudica nella grande notte del 26 febbraio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 27-02-2017 02:10 PM


Lascia un Commento

*