E ora Milano ha una prefetta

Per la prima volta una donna riveste l'importante incarico nella città meneghina. Si chiama Luciana Lamorgese, e dal 2013 a oggi è stata Capo di gabinetto del Ministero dell'Interno.

Luciana LamorgeseMilano cambia prefetto. E, per la prima volta nella sua storia, si affida a una donna. Lei è Luciana Lamorgese, classe 1954, ed è in forza al Ministero dell’Interno da ben 37 anni. Arriva a Milano accolta da una nota del sindaco Beppe Sala, che auspica un approccio di cooperazione reciproca, «sulle solide basi di collaborazione già avviate».

SOPRAVVIVERE AL VIMINALE
Sposata, madre di due figli, Lamorgese dal 2013 aveva il ruolo di Capo di gabinetto del Ministero dell’Interno. Ma gli inizi della sua carriera risalgono al 1979. Cominciò a scalare i primi gradini importanti nel 1989, quando venne nominata viceprefetto. Venne nominata prefetto nel 2003. Dal 2010 al 2012 è stata prefetto di Venezia. Secondo quanto riporta Il Foglio, Lamorgese farebbe parte di un gruppo di prefetti legati a Procaccini, che l’aveva preceduta nel ruolo di Capo di gabinetto. È riuscita a districarsi in un ambiente, quello del Viminale, che viene raccontato come un luogo dove sopravvivere politicamente è missione ardua. Il Foglio, inoltre, sottolinea come per la carriera di Lamorgese sia stato fondamentale il passaggio, tra il 2012 e il 2014, al Dipartimento per le politiche del personale dell’amministrazione civile, dove si stringono legami personali importanti.

CHI LA DURA LA VINCE
Arrivando a Milano, Lamorgese sostituisce Alessandro Marangoni, che va in pensione e che l’aveva scalzata dall’ambita poltrona milanese giusto un anno prima, ricorda Il Giorno. Quest’anno, invece nulla hanno potuto Ennio Maria Sodano e Luigi Savina contro il prefetto (la prefetta?) originaria della Basilicata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Top news Argomenti: Data: 27-01-2017 03:57 PM


Lascia un Commento

*