Haute Couture nell'armadio

di Enrico Matzeu
Abiti inaccessibili, quelli che hanno sfilato sulle passerelle parigine dal 22 al 26 gennaio. Ma reinterpretarli con delle proposte a basso costo, da Douuod a Zara, non è difficile. I nostri consigli.

FASHION-FRANCE-GALIA LAHAVDopo aver offerto i capolavori dell’Alta Moda francese, la settimana parigina dell’Haute Couture ha calato il sipario il 26 gennaio.
Chiaramente, lo sfarzo e la sontuosità di abiti e accessori per la primavera-estate 2017 non siano mancati, così come le celeb, da Nicole Kidman a Carla Bruni, le uniche forse a poter indossare sui red carpet gli abiti proposti, oltre a principesse saudite e mogli di oligarchi russi, vere indiscusse clienti dell’Haute Couture. Sognare ad occhi aperti è lecito e molto economico, ma questa volta potete fare anche di più, ovvero lasciarvi ispirare dalle griffe, scegliendo però proposte simili ma low cost, per essere invidiatissime alla cena aziendale o al matrimonio della vostra migliore amica. LetteraDonna ha fatto una prima scelta tutta per voi.

HAUTE COUTURE TRICOLORE
Come dicevamo, sono molti gli stilisti italiani che hanno scelto Parigi per presentare le proprie opere d’arte. Giorgio Armani sfila ad esempio con la sua Armani Privè e per questa primavera ha voluto l’arancio come tinta predominante, per colorare top ricchi di ruches e abiti senza spalline o con la spalla trasversale, come per il long dress che potete copiare con una creazione simile – ma molto più economica – di Cedric Charlier. Anche da Valentino si sono viste creazioni mozzafiato all’insegna della leggerezza e dei colori neutri, eccezion fatta per qualche incursione più vivace. Lunghi pepli plissettati da imitare con un abito total white di Douuod, che per lunghezza e leggerezza ricorda le creazioni pensate da Pierpaolo Piccioli, per la prima volta in solitaria alla direzione creativa del marchio.

I CLASSICI FRANCESI
La ex collega di Piccioli, Maria Grazia Chiuri, disegna ora per Christian Dior e per la prima volta ha proposto la sua visione della sezione Couture della celebre maison francese. Per l’occasione ha voluto una donna che viene dal mondo delle fiabe, con abiti lunghi fatti di cappe e stretti in vita come amava il celebre couturier. Piume e leggerissime maschere in pizzo hanno completato gli outfit. Per richiamare ad abiti sfiancati e dalle maniche lunghe, andate sul modello total black di Mauro Grifoni. Da Chanel invece giochi di specchi e vasi di fiori ricordavano il famoso atelier in cui sfilava Coco e anche la collezione è un tuffo negli Anni ’20 con giacchini e gonne nel tipico tessuto bouclè, segno distintivo della casa di moda diretta sempre da Karl Lagerfeld. Anche in questo caso abbiamo scelto un abito nero, puntando sulla scollatura leggermente geometrica che ha mostrato Chanel ma che ritroviamo anche nel tubino di T by Alexander Wang, magari da abbinare a un paio di décolleté argento e a un filo di perle alla caviglia.

GLI ECCENTRICI
Non sono mancati ovviamente momenti di puro estremismo artistico, che sono il pepe della Haute Couture, dove sperimentare è ancora possibile, se non addirittura necessario. In tal senso Maison Margela è una garanzia, soprattutto ora che il direttore creativo è John Galliano, uno dei più visionari tra i designer. La sua collezione infatti è caratterizzata da asimmetrie, rigonfiamenti, lacci e lacciuoli con il rosso come colore predominante su abiti in cui non si distinguono più l’inizio e la fine. Da Zara c’è un abitino corto in jersey color fuoco, che per i tagli e le ruches sulle maniche, ricorda molto lo stile Margela. Da Schiaparelli invece sono le geometrie ad avere la meglio su tuniche ampie o completi con top asimmetrici. Nella collezione non è mancato lo spirito surrealista che tanto piaceva alla stilista italiana e che il giovane Bertrand Guyon ha voluto riproporre con la celebre aragosta stampa sugli abiti e l’immancabile rosa Schiaparelli. Per riproporre l’atmosfera di questa stagione, senza passare per forza per i long dress, spezzate con un top bicolor di Fausto Puglisi e una gonna lunga sempre a due tinte di Maliparmi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery, Trend Argomenti: , , Data: 26-01-2017 06:27 PM


Lascia un Commento

*