Naufrago di Raz(za)

di Federico Capra
Solitario, meditativo, disinteressato ad alleanze e strategie. Ha definito i suoi compagni «falsi e ipocriti» e ha continuato la sua Isola contro tutti. Cinque curiosità sul vincitore Raz Degan.

degan«Quando sono partito pensavo che avrei dovuto superare dei limiti fisici, psicologici. Una volta in Honduras, ho capito che il limite, per me, sarebbero stati gli altri concorrenti». Solitario, distaccato, disinteressato alle chiacchiere dei suoi compagni. Ma amato e protagonista assoluto. Ha vinto, senza sorprese, Raz Degan, la 12esima edizione dell’Isola dei Famosi (qui i vincitori di tutte le edizioni). Un po’ attore, un po’ ballerino, un po’ modello, ex storico di Paola Barale, ora sul curriculum potrà anche aggiungere la voce naufrago. Ha spodestato Malena, per prima, passando poi a Nancy ed Eva Grimaldi e arrivando al duello con Simone Susinna.

RAZ CONTRO TUTTI
Ha fatto la sua Isola contro tutti, fregandosene di alleanze e strategie. Lui bastava a se stesso, anzi: più era lontano dagli meglio stava. Insomma, un po’ surviver. Meglio i tramonti dei compagni, che ha definito «falsi e ipocriti». «Il vincitore in assoluto di quest’Isola per me è l’isola stessa, la natura, la mammaTerra. Essere in contatto con la natura e apprezzare ciò che sei con la natura è un regalo», ha detto.

EX MA NON DEL TUTTO
Condotta da solitario a parte, quello che ha fatto molto parlare di Degan è stata anche la visita in Honduras della sua ex Paola Barale, con cui cui ha condiviso 14 anni di storia fino a maggio 2015. Il loro rapporto resta comunque profondo, e i baci e gli sguardi che si sono scambiati sull’Isola hanno lasciato immaginare che forse il loro legame non si sia esautito. La conduttrice stessa, via social, tornata dall’Honduras ha scritto: «Forse la nostra storia è destinata a durare, perchè non è una storia d’amore». E la sera della vittoria era ovviamente in studio ad attenderlo e abbracciarlo.

isola-famosi-raz-degan-1150x748SOLDATO D’ISRAELE
Nato in Israele il 25 agosto 1968, Raz Degan ha vissuto uno dei periodi più difficili del suo Paese. Tra la fine degli Anni ’60 e la seconda metà di quelli ’80 si era infatti formata una potente coalizione araba il cui intento era liberare quei territori occupati dallo stato di Israele la cui recente formazione risaliva al 1948. In un clima teso dove la guerra era all’ordine del giorno, Raz Degan venne presto inquadrato nell’esercito israeliano.

DA MODELLO…
E subito dopo la leva obbligatoria, Degan iniziò la sua carriera da modello. Un mestiere che, oltre a essere apprezzato da stilisti e pubblico, lo portò a girare mezzo mondo. America, Australia, Thailandia, Francia e infine Italia. E proprio nel nostro Paese il bell’israeliano trovò fortuna. Come non ricordare la celebre frase: «Perché? Sono fatti miei», dello spot dello Jägermeister.

…AD ATTORE
Ma quel suo volto che aveva fatto innamorare ragazzine urlanti era sprecato per la pubblicità. Ecco che nel 1996 fece il suo esordio come attore nel film Squillo dove interpretò l’ispettore Tony Messina. Da quella data altri dieci film che però non gli permisero di sfondare, almeno non del tutto, nel dorato mondo di Hollywood.

PAOLA MON AMOUR
I maligni, forse a ragione, vociferano che ci sia proprio lui dietro la rottura tra Paola Barale e l’ex ballerino Gianni Sperti.  I due hanno infatti divorziato quando la showgirl ha conosciuto Raz Degan, molto probabilmente, negli studi di Buona Domenica programma Mediaset condotto insieme a Maurizio Costanzo e Claudio Lippi. La loro è stata una storia travagliata iniziata nel 2002 e arrivata sino alla fine di maggio del 2015. In mezzo una rottura nel 2008, salvo poi un momentaneo ricongiungimento durato altri sette anni.

STAR DEI REALITY
E con quella all’Isola dei famosi per Raz Degan si tratta della sua seconda partecipazione a un reality. Nel 2010, infatti, era stata la volta di Ballando con le stelle. In mezzo la sua partecipazione a Mistero come conduttore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Protagonisti Argomenti: , Data: 13-04-2017 10:00 AM


Lascia un Commento

*