Anno nuovo, lady Sala nuova

Il sindaco di Milano è stato pizzicato in vacanza in Oman al fianco del suo nuovo interesse amoroso Chiara Bazoli: figlia di un banchiere, ancora sposata con un avvocato. E, in passato, accusata di rappresentare i poteri forti.

chiara-bazoli-beppe-salaDopo il mezzo polverone dell’autosospensione, il sindaco di Milano Beppe Sala ha scelto l’Oman come meta turistica dove riposarsi prima di tornare alla guida della città meneghina. Ad accompagnarlo, la sua attuale compagna. Si tratta di Chiara Bazoli. Bionda, classe 1970, nel cuore di Sala ha preso il posto che, fino all’estate 2016, era occupato dalla sua terza moglie, Dorothy De Rubeis.

GALEOTTO FU L’EXPO
Le prime voci di una liaison tra i due avevano cominciato a rincorrersi sul finire di luglio 2016, quando Dagospia aveva svelato la relazione tra i due. Un amore sbocciato all’ombra di Expo, quando Sala era ancora commissario e lei manager della Fondazione Feltrinelli. I due, ufficialmente, non sono mai venuti allo scoperto, ma Libero ha pubblicato alcune foto che li immortala insieme nella vacanza in Oriente.

AMORI, BANCHE E POLITICA
Una relazione, insomma, nata all’interno dei ‘giri che contano’: Chiara, infatti, è figlia di Giovanni Bazoli, presidente emerito di Intesa Sanpaolo e tra coloro che hanno sostenuto Cairo nella scalata ai vertici del Corriere della Sera, spiega sempre Libero. La riservatezza della coppia tradisce anche l’intento di non voler destare scandalo, in un periodo in cui basta davvero poco a far traballare una poltrona: Chiara, innanzitutto, è ancora sposata con l’avvocato Fabio Coppola, che ha un legame forte con Banca Intesa. Inoltre, le relazioni, anche supposte, tra banca e politica, oggi agli elettori non piacciono: specie se i protagonisti rischiano di finire al centro di indagini. I primi giorni di dicembre 2016, infatti, un articolo pubblicato su il Giornale ricostruiva le «vicissitudini giudiziare di [Giovanni] Bazoli», da tempo nel mirino della Guardia di finanza per delle «manovre occulte» che avrebbero influito su Ubi, l’Unione bancaria italiana.

LA DONNA DEI POTERI FORTI?
D’altra parte, non è certo la prima volta che Chiara Bazoli si avvicina alla politica. Stavolta per amore, qualche anno fa per sostenere la candidatura di Umberto Ambrosoli alla regione Lombardia. All’epoca, chi accusava Ambrosoli di essere il candidato dei poteri forti faceva leva proprio sul nome di Chiara Bazoli, ma intervistato da Affari Italiani il candidato metteva a tacere le illazioni descrivendo la donna come «semplicemente sostenitrice della mia candidatura. Ha una competenza in studi legali a livello europeo, sui fondi. Mette le sua intelligenza a disposizione del nostro progetto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 13-01-2017 07:26 PM


Lascia un Commento

*