Maria veste Tisci

di Enrico Matzeu
Lo stilista pugliese, direttore creativo di Givenchy per 12 anni, firma tutti gli abiti della De Filippi all'Ariston. Dalla famiglia umile e le borse di studio, fino al sucesso mondiale: ritratto del creativo.

Givenchy : Runway - Paris Fashion Week Womenswear Fall/Winter 2016/2017È Riccardo Tisci il prescelto di Maria De Filippi per Sanremo 2017. Classe 1974, eccellenza italiana volata all’estero, lo stilista pugliese direttore creativo del marchio francese Givenchy da 12 anni (ancora per poco, visto che appena annunciato la decisione di lasciare la maison), veste la co-conduttrice del Festival con i suoi abiti griffati.

C’È POSTA PER TISCI
Ma Queen Mary, come amano chiamarla i suoi fan più fedeli, oltre che dello stile si è sicuramente innamorata della storia che c’è dietro al designer italiano, ma che, some ha sottolineato lei durante la conferenza stampa di presentazione di Sanremo, «è dovuto uscire dall’Italia per riuscire a fare quello che voleva fare». La De Filippi l’ha definito «un uomo intelligente, proveniente da una famiglia pugliese umile, con una storia particolare alle spalle», e ha voluto precisare che Tisci si è trasferito all’estero quando «aveva solo 17 anni, andando avanti a borse di studio, riuscendo poi a diventare quello che è diventato». Il suo stile neogotico e un po’ futurista e la passione per le frange, passano in secondo piano per la conduttrice, che per indole si lega alle storie delle persone, meglio se sono alla C’è posta per te.

GAVETTA E TALENTO
Proprio come ha spiegato la De Filippi, Tisci è uno di quegli artisti che si è fatto strada piano piano, grazie a una borsa di studio alla celebre scuola di moda Central Saint Martins di Londra, dove si è laureato, perché, come ha precisato lui una volta al The Daily Telegraph ha sempre avuto una forte vena creativa rispetto agli altri bambini: «Preferivo rimanere a casa a dipingere o a imparare il giardinaggio da mia madre che giocare a Pac-Man». Una mamma che Tisci ha voluto (e potuto) aiutare grazie al suo lavoro. Quando nel 2004 aprì il marchio con il suo nome, dopo aver lavorato per Puma, Antonio Berardi e Coccapani, voleva portare avanti la sua linea senza iniziare collaborazioni, ma vedendo la cifra che gli proposero per firmare gli abiti di Givenchy, decise di accettare proprio per impedire che la madre vendesse la casa di famiglia.

STILISTA DELLE STAR
In breve tempo Tisci ha imposto il suo nome, rinfrescando il brand fondato da Hubert de Givenchy. Il suo stile piacque prima di tutto ai clienti e poi alla stampa (mentre di solito succede il contrario), e lui stesso si rese conto all’inzio di essere un perfetto sconosciuto alla guida di una linea tanto prestigiosa. Il suo gusto un po’ dark e molto attento alla tridimensionalità è piaciuto però soprattutto nella linea Couture, ovvero quella di Alta Moda, che al suo arrivo contava solo cinque clienti, ma che nel giro di pochi anni sono diventati una trentina. Tutto questo anche grazie alle moltissime star che indossano le sue creazioni, a partire dalle regine del pop come Madonna, che proprio per mano di Tisci nel 2012 si è trasformata in una moderna Cleopatra per il suo intervento al Superbowl o come Rihanna, per la quale ha disegnato tutti gli abiti del We found love tour. Solo nel 2016 la sua Givenchy ha vestito sui red carpet più caldi celeb del calibro di Adele, Nicki Minaj, Julianne Moore, Cate Blanchett, Rooney Mara e persino la’ex first lady americana Michelle Obama.

DE FILIPPI IN GIVENCHY
Certo, il nome di Maria De Filippi in questo elenco sembra quasi alieno, ma il gusto lineare e non banale che di solito la conduttrice sceglie per i suoi look si sposa con l’idea un po’ spaziale che lo stilista mette solitamente negli abiti da sera che disegna. Tisci, tra l’altro, l’ha già vestita in altre occasioni, proprio a Sanremo 2009, quando affiancò solo per una sera Paolo Bonolis alla conduzione. Nella gallery alcuni abiti dall’ultima collezione Givenchy Haute Couture.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery Argomenti: , , Data: 08-02-2017 04:15 PM


Lascia un Commento

*