Il tubino della discordia

Stefano Gabbana ha pubblicato su Instagram una foto di Melania Trump in D&G. Scatenando polemiche.

Nel mondo della moda, all’indomani della vittoria di Donald Trump, c’è chi ha invitato i colleghi a boicottare la moglie Melania, rifiutandosi di vestirla. Lo ha fatto ad esempio Tom Ford e poi ci ha pensato Diane von Fürstenberg a smorzare i toni. La questione sembra non interessare molto a Stefano Gabbana, che da parte sua su Instagram ha ringraziato la First Lady per aver indossato, alla festa di Capodanno a Palm Beach, in Florida, un tubino nero della sua collezione.

LA POLEMICA SUL WEB
«Thank You US», ha scritto lo stilista commentando una foto di Donald e Melania Trump, aggiungendo al ringraziamento (agli interi Stati Uniti) dei cuoricini, oltre a un paio di hashtag come #DGWoman e #madeinitalyIT. La cosa non è piaciuta a una parte degli 838 mila follower dello stilista, attivissimo su Instagram. «Davvero avete scelto di vestire Melania Trump? Mi risulta che i principi del marito siano quasi del tutto incompatibili con i vostri», «Tutti ma non lei», «Ma non capisci che l’elezione di Trump ha lacerato il nostro Paese?», «Per fortuna ho smesso di comprare D&G tanti anni fa»: sono solo alcuni degli oltre 1300 commenti all’immagine che, va detto, ha sfiorato i 14 mila ‘like’.

HA FATTO TUTTO DA SOLA
Infatti, sono numerosi anche i follower di Stefano Gabbana che hanno sottolineato come, in fondo, la moda non c’entri niente con la politica: «Sei un grandissimo uomo e un grandissimo stilista. Lascia perdere chi ti critica in modo meschino». O che si sono limitati ad applaudire Melania e il suo outfit: «E cosa puoi dire ad una donna così con un abito così? Stupenda. Questo abito ha valorizzato la First Lady. Io da italiana sono orgogliosa che sia un D&G». E lo è, decisamente, anche una delle due metà del duo creativo. Che, come ha spiegato al Corriere del Sera, non ha ‘vestito’ Melania: «Quel tubino se l’è comprato da sola, non so neppure dove, se in un nostro negozio o un department store». Per la cronaca, il tubino in questione costa circa 3 mila dollari. E adesso c’è già chi si domanda se, alla cerimonia di insediamento del 20 gennaio (dove forse canterà Rebecca Ferguson), Melania opterà di nuovo per il made in Italy, che tanto piace anche a chi l’ha preceduta, ovvero Michelle Obama.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 05-01-2017 01:29 PM


Lascia un Commento

*