L'irachena che sfida i tabù (in bici)

Marina Jaber, artista 25enne, ha deciso di sfidare i pregiudizi e difendere i diritti delle donne in Iraq. E ha organizzato una passeggiata su due ruote in centro a Bagdad, invitando tutte a partecipare.

marina jaberIn uno studio del 2013 sui diritti delle donne nei Paesi arabi, l’agenzia Thomson Reuters classificava l’Iraq in penultima posizione, insieme all’Arabia Saudita, e indietro soltanto all’Egitto. Il Paese, sottolineava la ricerca, paga il prezzo di anni di guerra che ha costretto gli abitanti a spostarsi e ha esposto ancora di più le donne ai traffici e alle violenze sessuali. Per le strade irachene alcuni uomini non esitano a molestare verbalmente e fisicamente le donne se le giudicano troppo ‘scoperte’ o se notano in loro un atteggiamento che reputano ‘moralmente scorretto‘.

LA PASSEGGIATA IN BICI
È proprio contro questo estremismo che ha voluto protestare Marina Jaber. La ragazza, artista 25enne, ha deciso di dare un segnale di protesta e di libertà e di promuovere e difendere i diritti delle donne: il 5 dicembre, riporta La Parisienne, Jaber ha pensato di organizzare una passeggiata in bici in centro a Bagdad, invitando altre ragazze a unirsi. Diverse giovani hanno partecipato, tra loro Mina, 25 anni, che ha spiegato: «Quando ero bambina avevo una bicicletta, e la usavo tutto il giorno. Da quando ho compiuto 10 anni la mia famiglia ha iniziato a vietarmela. Inizialmente non capivo perché. Poi mi sono resa conto che il motivo è che sono una donna».

UN’ATTIVITÀ NON TOLLERATA
In Iraq, riporta ancora il quotidiano francese, andare in bici non è formalmente vietato, ma la pratica è rara perché socialmente poco tollerata. «Basta paura: noi donne dovremmo far valere i nostri diritti, perché siamo la società», ha detto la giovane spiegando la sua marcia. E ha aggiunto: «Sono molto felice. Mi sono accorta che la nostra società non è così retrograda, la gente ci incoraggia».

marina jaberLE FOTO SU INSTAGRAM
Sul suo profilo Instagram Marina documenta già da qualche settimana le sue passeggiate  in bici, che hanno creato molta discussione in rete. Adesso il suo profilo conta più di 30 mila followers. In una delle foto, la ragazza passa accanto a un uomo che la guarda sorpreso. Nello stesso scatto un ragazzo, sullo sfondo, sorride.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , , Data: 09-12-2016 05:34 PM


Una risposta a “L’irachena che sfida i tabù (in bici)”

  1. San Niky scrive:

    L’ignoranza degli uomini che si nascondono dietro la religione e i pregiudizi è il più grande dei mali del mondo.
    Va riconosciuta L’uguaglianza alle donne di tutto il mondo.f

Lascia un Commento

*