Non solo Piccole Donne

Louisa May Alcott, autrice di questo classico della letteratura per ragazze, ha scritto anche racconti thriller e romanzi gotici novel. Ecco le opere che ne svelano il lato oscuro.

Louisa May AlcottIl 29 novembre Google celebra con un doodle il 184esimo anniversario della nascita di Louisa May Alcott, autrice della tetralogia di Piccole Donne, un classico della letteratura per ragazze ispirato alla sua infanzia, trascorsa con le sorelle a Concord, nel Massachusetts. Un personaggio davvero interessante, la Alcott. Figlia di insegnante trascendentalista, visse per un breve periodo in una comune agricola, la Utopian Fruitlands, e prestò servizio come infermiera volontaria durante la Guerra di Secessione. Non solo: crebbe come abolizionista e femminista, lavorando alla rete clandestina Underground Railroad, che favoriva la fuga e degli schiavi di colore, e battendosi per il diritto di voto alle donne.

louisa-may-alcott1IL SUO ALTER EGO
Se è vero che Louisa May Alcott scrisse romanzi per ragazzi in cui l’elemento ‘moralità’ è dominante, è altrettante vero che, insofferente al maschilismo della società in cui visse e da grande appassionata di Johann Wolfgang Goethe, Edgar Allan Poe, Nathaniel Hawthorne e delle sorelle Brontë, collaborò sotto lo pseudonimo A.M. Barnard con diverse riviste specializzate in thriller e gothic novel. Dando vita a donne forti, misteriose e desiderose di rivincita nei confronti degli uomini. Ecco le tre opere di Louisa May Alcott che ne svelano il suo ‘lato oscuro’.

DIETRO LA MASCHERA
AlcottLouisa May Alcott scrisse Dietro la maschera, o Il potere di una donna nel 1866, con lo pseudonimo A.M. Barnard. In questo romanzo la protagonista è l’istitutrice trentenne Jean Muir, provata da una vita difficile. La donna viene assunta da un’aristocratica famiglia inglese di Coventry, che però la crede una 18enne ingenua e indifesa: a poco a poco viene fuori la sua vera natura, celata da un comportamento dolce e sottomesso, ‘tradito’ solo da qualche scatto d’ira. Jean ha in mente un piano diabolico, che riesce a mettere in atto dopo essersi guadagnato la fiducia dei vari membri della famiglia. Con questo lavoro, la Alcott si fa beffe del matrimonio e, grazie agli intrighi di Jean Muir, si vendica in qualche modo del puritanismo imperante nella società della sua epoca.

UN LUNGO FATALE INSEGUIMENTO D’AMORE
Anche Un lungo fatale inseguimento d’amore fu scritto nel 1866, poco dopo il termineUN-LUNGO-FATALE-INSEGUIMENTO-DAMORE-Louisa-May-Alcott-RIZZOLI della Guerra di Secessione. Ma fu pubblicato solo nel 1995, perché all’epoca gli editori lo considerarono troppo audace, anche per un autore maschio come l’alter ego della Alcott, A.M. Barnard. Protagonista è la bella Rosamond, che sedotta dall’avventuriero Phillip Tempest inizia con lui a viaggiare per l’Europa, convinta di averlo sposato. Quando capisce che il matrimonio è stato un inganno e che lui ha già una moglie, lo pianta in asso e fugge. Bigamo, perfido, bugiardo e possessivo, Philip e non vuole perderla, riesce sempre a ritrovarla. Questo lungo e fatale inseguimento d’amore, tra misteri, sospetti e passione si conclude proprio dove era iniziato, ed in modo inaspettato.

UN MODERNO MEFISTOFELE
mefistofeleQuesto romanzo, in cui sono evidenti i richiami al Faust di Goethe, fu pubblicato in forma anonima nel 1877. Il protagonista di Un moderno Mefistofele è Jasper Helwyze, un uomo che per diletto ama giocare con le passioni altri. In particolare, con quelle di Felix e Gladys. Lui è giovane e ambizioso, lei ingenua e fragile: prede perfette per le perversioni di Jasper, che assume il controllo delle loro vite e li manipola a piacimento. Poi l’entrata in scena della sua vecchia amante Olivia e la riscoperta dell’amore grazie a Gladys cambieranno tutto. In Un moderno Mefistofele, ci sono lussuria, vanità, tradimenti, omosessualità e persino droga, hashish nello specifico: temi che Louisa May Alcott dimostra di saper maneggiare alla perfezione, in barba alle convenzioni maschiliste della sua epoca, che relegavano le autrici donne alla letteratura pedagogica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, libri, persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 29-11-2016 12:42 PM


Lascia un Commento

*