La donna che perdonò il sessismo di Fillon

Il politico le disse che non sarebbe diventata ministra «perché incinta». Poi si era scusato. E adesso Nathalie Kosciusko-Morizet, (che sostiene Juppé), non vuole attaccarlo su quell'episodio.

Nathalie Kosciusko-MorizetTutto è ancora da vedere, ma dopo essere arrivato primo alle primarie del centrodestra francese, François Fillon (che si appresta a ‘sfidare’ Alain Juppé al ballottaggio), sembra essere uno dei candidati favoriti alla presidenza della Repubblica francese. Come era inevitabile, i media hanno subito recuperato dagli archivi la notizia-polemica, provando, senza riuscirci (o riuscendoci solo a metà), a sfruttare uno degli argomenti più cari alla società odierna: il sessismo.

L’INTERVISTA DEL 2013
Nathalie Kosciusko-Morizet
, membro del partito Les Républicains e sostenitrice di Juppé, è stata invitata a intervenire durante una puntata di France Info. Lungi dall’affrontare questioni politiche e programmatiche, i giornalisti in studio hanno preferito ricordare alla politica un episodio venuto fuori nel 2013. All’epoca Morizet aveva rilasciato un’intervista alla NBC sostenendo che Fillon le avesse detto: «Non sarai ministro perché sei incinta». (Apriti cielo).

«MI HA CHIESTO SCUSA»
Davanti al richiamo dell’evento, la politica ha mostrato di non aver voglia di parlarne: «È un fatto vecchio», ha risposto. In studio, però, era chiaro che l’attenzione dovesse restare su quel punto. Così un altro giornalista ha sottolineato che l’argomente è importante, perché serve a capire un po’ meglio la personalità di Fillon. Morizet, generalizzando, ha risposto che si tratta di un problema della «società francese». Una risposta che ai giornalisti però non è bastata: «L’ha colto in flagrante di machismo. Le dispiace attaccarlo sul serio?», hanno continuato. La donna, pressata, ha risposto di essere lì per parlare, ed eventualmente chiarire, il motivo per cui si trova in disaccordo (politico) con Fillon e non di questioni vecchie e, ha detto, risolte: «All’epoca Fillon mi chiese scusa. Lo trovai molto elegante, noi donne sappiamo bene che gli uomini non amano ammettere di aver torto».

DALL’INGEGNERIA ALLA POLITICA
Morizet è nata a Parigi nel maggio del 1974. Di famiglia polacca molto attiva in politica: un suo nonno è stato ambasciatore francese negli Stati Uniti e suo padre è stato sindaco di un grosso comune vicino Parigi. Dopo aver studiato all’École polytechnique e al Collège des Ingénieurs ha deciso di intraprendere l’attività professionale di ingegnere nel settore militare, per poi avvicinarsi al mondo della politica aderendo all’UMP (che nel 2015 è diventato Les Républicains): a 29 anni venne eletta all’Assemblea Nazionale come deputata per il dipartimento dell’Essonne e in seguito è stata, tra le altre cose, Segretario di Stato all’Ecologia dal 2007 al 2009, Segretario di Stato per gli Studi Strategici e lo sviluppo dell’economia digitale dal 2009 al 2010 e ministro dell’Ecologia da novembre 2010 a febbraio 2012.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , , Data: 22-11-2016 02:46 PM


Lascia un Commento

*