La Turchia vuole graziare chi abusa

Se l'atto è avvenuto in modo consensuale, l'autore si salva da processi e condanne accettando di sposare la vittima. Questa la proposta choc del partito di Erdoğan. Un disegno di legge che potrebbe anche aggravare il fenomeno delle spose bambine.

Chi si sia reso colpevole di abusi su minori (ma senza l’uso della forza), e dovesse poi sposare la vittima, vedrebbe ridotta o addirittura annullata la pena: questa il disegno di legge-choc depositato in Turchia dall’Akp, il partito di Erdoğan. Una proposta che ha scatenato molte polemiche.

COSA DICE LA LEGGE ATTUALE
Il governo parla di distorsione strumentale e ci sembra giusto fare un po’ di chiarezza: in Turchia, sposarsi prima dei 17 anni è, almeno ufficialmente, proibito. Chi ne ha 16 lo può fare ma solo dopo il nulla osta del tribunale. Chi invece ha rapporti sessuali con una 15enne viene processato, indipendentemente dalla sua età: i giudici possono infliggere 16 anni di carcere, qualsiasi siano state le circostanze. Come spiega il ministro della Giustizia Bekir Bozdag, l’obiettivo sarebbe «scongiurare le conseguenze legali in cui si imbattono le coppie che hanno rapporti consenzienti e vogliono sposarsi prima della maggiore età», considerando che in Turchia «i matrimonio che coinvolgono i minori sono sfortunatamente una realtà», ma «gli uomini coinvolti non sono violenti stupratori».

NON È UN PAESE PER DONNE
La proposta del governo ha indignato buona parte dei cittadini, perché vista come un tentativo di ‘graziare’ coloro che, dopo aver violentato una ragazzina, la sposano. Questa norma, tra l’altro, potrebbe aggravare ulteriormente il fenomeno delle spose bambine, ampiamente diffuso in Turchia. Per questo, l’hashtag #TecavuzMesrulastirilamaz («Lo stupro non può essere legittimato») è diventato subito virale su Twitter. Un ‘urlo’ di dolore in un Paese in cui, secondo le ultime ricerche, il 40% delle donne ha subito maltrattamenti e i femminicidi sono aumentati di 14 volte rispetto al 2003.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 18-11-2016 06:24 PM


Lascia un Commento

*