Le donne marciano su Washington (contro Trump)

Il 21 gennaio 2017 mamme, mogli e figlie sono pronte a dirigersi verso la capitale degli States per far sentire la propria voce contro le affermazioni sessiste del nuovo presidente Usa.

trumpFa ancora tanto discutere l’elezione di Donald Trump a 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America. Soprattutto per le (tante) parole sessiste che il tycoon ha usato durante tutta la sua campagna elettorale. Una situazione difficile da mandar giù, in primis per le tante donne chiamate in causa. Che hanno deciso di far sentire la loro voce, così come quella di altre migliaia di americani, attraverso una marcia su Washington. Prevista per il 21 gennaio 2017, la protesta affonda le sue radici da un analogo evento storico.

COME MARTIN LUTHER KING
Era infatti il 1963 quando il reverendo Martin Luther King Jr. si diresse, insieme a una moltitudine di afroamericani e altre minoranze, verso la capitale degli Stati Uniti. Lì pronunciò il suo famoso discorso «I have a dream», dando una speranza di uguaglianza alle tante persone di colore che vivevano (e vivono tutt’oggi) in America. Il sogno di queste donne, ora, è che possa accadere lo stesso anche per loro. Del resto gli organizzatori della marcia stanno progettando la protesta sin da quando Hillary Clinton ha perso le elezioni presidenziali. Una situazione che ha gettato la Nazione nel caos portando ondate di malcontento e rivolte in ogni zona del Paese.

L’IDEA
Ma la marcia su Washington non è aperta solo alle donne. «Accogliamo con favore i nostri alleati di sesso maschile», ha detto al Post una delle organizzatrici. «Vogliamo che questa azione sia il più inclusivo possibile pur ammettendo che vogliamo sia una marcia prevalentemente femminile». Attualmente l’evento è nelle sue fasi di pianificazione iniziale. «Vogliamo sia un successo ma soprattutto che abbia una connotazione pacifica. Vogliamo dimostrare che siamo forti e abbiamo una voce che deve essere rispettata anche da Donald Trump», ha aggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Top news Argomenti: , Data: 15-11-2016 01:29 PM


Lascia un Commento

*