Il senso della Svezia per la neve

40 centimetri di precipitazioni a Stoccolma. Prima delle strade, però, si puliscono i marciapiedi e le piste ciclabili. Per favorire le donne, che usano meno l'auto.

neve stoccolmaAnche la neve è sessista. O, meglio, il modo in cui viene spalata. D’altronde, i 39 centimetri di neve caduti a Stoccolma tra mercoledì 9 e giovedì 10 novembre, qualche disagio dovevano causarlo per forza. La sindaca Karin Wanngård, però, per l’occasione ha ordinato ai funzionari municipali di dedicarsi prima di tutto alla pulizia dei marciapiedi e delle piste ciclabili, prima che del manto stradale. La ragione è semplice: statisticamente, le donne si muovono di più a piedi e in bici, che non in macchina.

CITTÀ BLOCCATE
Il provvedimento ha coinvolto anche altre città svedesi, ma la nevicata è stata così intensa che i disagi sono stati tanti, troppi. Come riporta il Corriere della Sera, ingorghi e blocco dei mezzi pubblici hanno gettato il Paese nel caos. Ma, data la straordinarietà della precipitazione, è difficile dare la colpa al provvedimento ‘femminista’.

VANTAGGI TEORICI NON SOLO PER LE DONNE
Che non è in discussione, anzi. Ripulendo prima i marciapiedi e poi le strade, si facilita la vita anche a bambini, anziani, disabili, quale che sia il loro sesso di appartenenza. Con quasi mezzo metro di neve, però, non c’è strategia di genere che tenga. Ed è per questo che gli esperti sono al lavoro per evitare che si ripetano i disagi che hanno paralizzato le strade.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , Data: 14-11-2016 12:57 PM


Lascia un Commento

*