Endorsement fiammeggiante

Decine di americani hanno dato fuoco alle loro scarpe New Balance dopo che l'azienda si è apertamente schierata in favore di Trump. Una protesta che ha colto impreparato il colosso calzaturiero.

new balanceNon sembra placarsi la protesta contro il neo presidente eletto Donald Trump. Ecco che dopo i messaggi di rabbia sui social e le manifestazioni, più o meno pacifiche, in piazza, in molti hanno deciso di andare addirittura oltre. Decine di americani hanno infatti dato fuoco alle loro New Balance, scarpe prodotte dall’omonima azienda rea (secondo loro) dell’endorsement in favore del tycoon.

FUOCO ALLE POLVERI
Tutto è iniziato con una dichiarazione del portavoce della società, citata da una giornalista del Wall Street Journal, su Twitter: «Barack Obama è rimasto sordo alle nostro richieste e, francamente, con il presidente Trump sentiamo che le cose andranno per il verso giusto», ha cinguettato Sara Germano del Journal. Il riferimento, chiaro, alla Partnership Trans Pacifica, ovvero l’accordo che promuove il libero scambio e investimento tra i Paesi partner e che Trump ha promesso di abolire.

PRESA DI POSIZIONE
Una dichiarazione che non è andata giù ai molti sostenitori della Clinton che così hanno voluto esprimere il loro disappunto decidendo di distruggere le proprie calzature New Balance. Ma a tante critiche l’azienda di scarpe ha voluto rispondere con una nota ufficiale in cui spiega le proprie ragioni: «Crediamo nella comunità, crediamo nell’umanità. Dalle persone che fabbricano le nostre scarpe alle persone che le indossano, crediamo nell’agire con il massimo dell’integrità. New Balance e migliaia di dipendenti in tutto il mondo si impegnano costantemente per migliorare la nostra comunità locale. L’abbiamo sempre fatto e sempre lo faremo», si legge nel messaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Protagonisti Argomenti: , Data: 11-11-2016 07:10 PM


Lascia un Commento

*