La signora della spazzatura

di Federico Capra
A Roma il nuovo volto dell'Ama, l'azienda municipale che gestisce i rifiuti, è quello di Antonella Giglio. Ecco chi è la donna chiamata dalla giunta Raggi a gestire il difficile momento della Capitale.

giglioL’Ama di Roma ha finalmente trovato una guida. Si chiama Antonella Giglio, di professione fa l’avvocato ed è stata chiamata dalla giunta Raggi a guidare l’Azienda capitolina che gestisce i rifiuti ormai da tempo allo sbando. L’ufficializzazione della nomina è attesa per giovedì 10 novembre 2016, ma i dubbi intorno alla 58enne giurista specializzata in diritto amministrativo sono molti. Soprattutto perché la Giglio non ha mai avuto esperienza nel sovrintendere ditte di smaltimento spazzatura. Eppure il suo cv è l’unico che è stato portato in discussione dei trenta arrivati al Comune guidato dal M5s.

LA VITA PRIVATA
Nata a Varese da genitori meridionali arrivati al Nord per lavoro – il papà è di Cirò (Crotone) e la mamma di Campobasso – Antonella Giglio ha conseguito la laurea in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano. Poi il trasferimento a Roma con la città meneghina ben impressa nella mente. Tanto che lei si definisce «una lombarda trapiantata a Roma e considero Milano sempre la mia città di riferimento». Ma oltre a essere una donna in carriera la Giglio è anche una moglie e soprattutto una mamma di due figli. Uno studia ingegneria informatica, l’altro economia e commercio. E quando ha svelato a loro di essere stata scelta per dirigere Ama «il più grande è stato entusiasta quando ho comunicato di questa possibilità, il piccolo mi ha detto se ero impazzita ad accettare un ruolo così complicato in un momento così difficile per la Capitale», ha raccontato al Corriere della Sera.

I MOTIVI DELLA CANDIDATURA
E quel «chi te l’ha fatto fare?» del figlio di Antonella Giglio è un po’ la domanda che si porgono tutti a Roma. Ma lei tira dritto e replica: «Perché è abbastanza sconsolante vedere una città così bella in queste condizioni. Voglio mettere al servizio della città dove vivo tutte le mie conoscenze, soprattutto quelle che riguardano gare e contratti». E per il resto, per le cose più tecniche, ha spiegato che «mi farò sostenere dai tecnici dell’azienda e poi avrò il valido aiuto dell’assessore Paola Muraro, persona molto competente che ho già incontrato più volte».

IN ATTESA DI VIRGINIA
La Giglio attende ancora di essere ufficialmente insignita del difficile incarico, ma soprattutto incontrare la sindaca Virginia Raggi. In quell’occasione è prevista anche la presentazione della sua squadra. Di quei collaboratori chiamati ad aiutarla per affrontare al meglio un compito del tutto nuovo. Tra questi si trovano il direttore generale della municipalizzata Stefano Bina e i vertici di Acea (l’azienda che gestisce l’energia) il cui compito «è quello di supportare il ciclo dei rifiuti a Roma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Protagonisti, Top news Argomenti: , , , Data: 10-11-2016 04:00 PM


Lascia un Commento

*