La paladina della Costituzione

Cantante, ma interessata alla politica. Anna Oxa spiega con un video perché voterà No al referendum. E attacca i cittadini: «Sveglia, lo Stato vi usa come burattini».

oxaDi lei si erano perse le tracce dopo l’ultima puntata di Amici, dove vestiva i panni di giudice. Dopo un lungo silenzio, Anna Oxa è tornata. Ma non per ragioni artistiche: questa volta c’entra la politica, in particolare il suo voto referendum costituzionale del 4 dicembre.
In un video postato su Youtube e sulla propria pagina Facebook, la Oxa presta la sua voce a un monologo di cinque minuti nel quale spiega – con motivazioni poco pertinenti e a tratti confuse – perché voterà No. E perché i cittadini italiano dovrebbero fare lo stesso.

«LO STATO VI USA COME BURATTINI»
«La Costituzione è la legge fondamentale della Repubblica italiana, è al di sopra dello Stato, considerando che è indispensabile che i diritti dell’uomo siano coperti da norme giuridiche, se si vuole evitare che l’uomo sia costretto a ricorrere come ultima istanza alla ribellione contro la tirannia e gli oppressi. Per questo la Costituzione è scomoda?», inizia l’opera di convincimento. Poi la lettura dell’articolo 36 – sul salario dei lavoratori – e l’attacco diretto ai sindacati che «hanno firmato a nome dei lavoratori come parti sociali condizioni diverse». «Voi non sapete nemmeno dell’esistenza dei vostri diritti e come burattini vi portano in piazza per prendervi in giro. Più gridate e più ridono. Lo Stato non ha colpa se tutti avete delegato a rappresentarvi persone che giocano con la vostra ignoranza», continua la Oxa. Insomma, il messaggio della cantante è che «non è la Costituzione che ostacola la nostra libertà, ma chi ne ostacola l’applicazione. L’unica vera grande riforma lo Stato italiano la farà dal momento in cui applicherà per la prima volta da quando è stata scritta la Costituzione». Quindi votare No sarebbe la scelta giusta perché la Costituzione non va cambiata, ma applicata.

«NON ASCOLTATE GLI ALTRI!»
Poi la cantante italo-albanese invita i cittadini a non fidarsi dei giornali, né dei social, ma di documentarsi da soli leggendo gli articoli della Costituzione («per farlo non ci vuole una laurea»). «Documentati, leggi la Costituzione, non andare a votare ascoltando gli altri. Leggine qualche articolo per capire se sono le persone orrende o lo è la Costituzione. Invece di leggere i giornali, i post di Facebook leggete gli articoli. Non conoscete i vostri diritti, svegliatevi». Cara Anna, così stai sconsigliando ai cittadini di non ascoltare nemmeno il tuo sermone. I cittadini, come dici, non hanno bisogno di essere convinti da nessuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , Data: 03-11-2016 12:11 PM


3 risposte a “La paladina della Costituzione”

  1. Alfonso scrive:

    Definite “a tratti confuse” le parole della oXa, mentre voi dovreste prima di tutto imparare a scrivere in lingua italiana, siccome (pare) vi firmate giornalisti.
    Cos’è che vi turba del pensiero libero?
    Cos’è che vi turba della sig.ra oXa?

  2. Claudio scrive:

    La Oxa ha motivato giustamente il proprio modo di vedere. Siete per caso per il SI ?
    Vi infastidisce la sua presa di posizione ?
    Son si uro ve ne farete una ragione.
    Saluti

Lascia un Commento

*