È quasi magia Johnny

Depp nel cast dello spinoff di Harry Potter Animali fantastici e dove trovarli, saga in cinque film tratta dall'omonimo libro scritto da J.K. Rowling. Ecco cinque cose da sapere sul volume.

johnny deppDa pirata a mago il salto è breve, soprattutto se ti chiami Johnny Depp e hai fatto del trasformismo il tuo marchio di fabbrica. Svestiti i panni di Jack Sparrow, l’attore si prepara a impugnare la bacchetta magica per prendere parte alla saga Animali Fantastici e dove trovarli. Ecco che Depp, nel prequel di Harry Potter, è stato chiamato a interpretare Gellert Grindelwald. Si tratta del mago oscuro più pericoloso di tutti i tempi, secondo solo a Voldemort e che nella serie di cinque film giocherà un ruolo decisamente importante. La curiosità dei fan del pirata Johnny di vedere il loro beniamino nei panni del potente stregone è destinata a trovare soddisfazione il 17 novembre, data prevista per l’uscita del film nelle sale italiane e non solo. Noi, intanto, vi diciamo le cinque cose che bisogna sapere per arrivare preparati al film.

gli-animali-fantastici-dove-trovarli-102180IN PRINCIPIO NON FU UN ROMANZO
Animali Fantastici e dove trovarli è ispirato al quasi omonimo libro scritto da J.K. Rowling nel 2001. Non si tratta di un romanzo, ma è piuttosto la ‘copia reale’ di uno dei libri di testo su cui studiano Harry Potter e compagni nella scuola di magia e stregoneria di Hogwarts. In Italia è pubblicato da Salani.

AUTORE FITTIZIO, PROTAGONISTA VERO
L’autore immaginario del libro è Newt Scamandro. Di mestiere fa il magizoologo, vale a dire lo studioso di animali magici. È lui il protagonista del film. Nato nel 1897, iniziò a lavorare al Ministero della Magia nell’ufficio Regolazione e Controllo delle Creature Magiche. Esperto di animali magici, fece rapidamente carriera. Nel film, lo troviamo a New York nel 1926, un anno prima della pubblicazione del suo libro. A interpretarlo, un altro attore che come Johnny Depp di trasformismo ne sa qualcosa: Eddie Redmayne. Le sue interpretazioni di Stephen Hawking in La Teoria del Tutto e Einar Wegener in The Danish Girl ne sono la prova.

Fantastic-Beasts-Eddie-RedmaynePSEUDOPERIPEZIE EDITORIALI
Il finto libro ha alle spalle una vera (finta) storia editoriale: la sua stesura venne commissionata nel 1918 a Newt Scamandro da Augustus Worme, per conto della Obscurus Books, casa editrice del mondo dei maghi. Venne però pubblicato solo nel 1927. Quella che leggiamo noi nel mondo reale è la 52esima edizione, e ha un’introduzione scritta da Albus Silente. Non solo: sono presenti diverse annotazioni scritte da Harry Potter e Ron Weasley, databili al quarto anno della loro frequentazione a Hogwarts.

ALTRI DUE LIBRI FINTI MA VERI
J.K. Rowling ha scritto altri due pseudobiblion tratti dalla saga di Harry Potter. Uno è Il Quidditch attraverso i secoli, una storia del popolare sport dei maghi scritta nella finzione da Kennilworthy Whisp. L’altro, è Le fiabe di Beda il Bardo, volume con un ruolo fondamentale in Harry Potter e i Doni della Morte. Viene lasciato da Albus Silente a Hermione Granger, e contiene le annotazioni del preside di Hogwarts.

LA MAGIA DELLA BENEFICENZA
J.K. Rowling ha deciso di scrivere il libro per beneficenza. L’80% del prezzo di copertina è stato infatti destinato alla charity Comic Relief. Nel 2011, l’associazione ha dichiarato che Animali Fantastici e l’altro pseudobiblion Il Quidditch attraverso i secoli hanno raccolto circa 20 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , Data: 08-11-2016 01:07 PM


Lascia un Commento

*