Sisma in mostra

A Milano un'esposizione per raccontare e prevenire la devastazione dei terremoti.

terremotoConoscere meglio i terremoti e le loro cause. È quello che si propone Terremoti – Origini, Storie e segreti dei movimenti della terra, la mostra che ha preso il via il 29 ottobre 2016 al Museo della Storia Naturale di Milano. Un appuntamento lungo sei mesi in cui i visitatori sono guidati da un percorso espositivo volto a raccontare i sismi che stanno devastando il Centro Italia. Ecco che sette sale del Museo meneghino sono state riservate a un percorso scientifico, informativo e di prevenzione. Che si trasforma in visivo e tattile mediante filmati, oltre 200 scatti fotografici, diorami di grandi dimensioni, una vasca in cui viene simulata un’onda di tsunami, un modellino di tavola sismica, sismografi e strumenti di rivelazione delle scosse.

PARLA IL CURATORE
Nonostante fosse stata ideata nel marzo 2016, «è risultato difficile all’inizio costruire un percorso espositivo sui terremoti. Non potevo di certo esporre soltanto foto degli effetti distruttivi delle scosse», ha spiegato al Fatto Quotidiano Magazine Marco Stoppato, curatore della mostra, nonché geologo e fotografo. «Verranno esposti grossi plastici dove mostriamo i movimenti lenti delle rocce e quelli rapidi che provocano le faglie. Poi ancora dimostriamo la propagazione dell’onda sismica con filmati e animazioni. Tutti oramai hanno capito che in Italia ci troviamo su un territorio ad alta pericolosità. Quindi questa mostra acquisisce anche uno scopo educativo, soprattutto sul cosa fare concretamente per mitigare il rischio terremoto», ha aggiunto Stoppato. E a colpire maggiormente è senza dubbio la sezione dedicata ai devastanti sismi del passato che hanno (anche) colpito l’Italia. Proprio come quello di Messina del 1908 riprodotto in un grande diorama.

LE TESTIMONIANZE
Il tutto reso ancora più emotivo dalle centinaia di testimonianze raccolte negli anni da Stoppato. «Ad esempio ho voluto portare qui al Museo anche sette metri di binario ferroviario che dopo il terremoto di 7 gradi Richter in Guatemala nel 1976 si sono schiacciati a fisarmonica. La mia è una lunga passione nata dopo aver visto da bambino Viaggio al centro della terra. Da allora vado alla ricerca di ammoniti e fossili in ogni luogo del mondo. Ho sempre pensato di dover trasmettere e comunicare la mia conoscenza agli altri». Insomma, come a dire che il passato può insegnare qualcosa alle prossime generazioni. Soprattutto in materia di sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Saper vivere Argomenti: Data: 31-10-2016 04:18 PM


Una risposta a “Sisma in mostra”

  1. Giorgio scrive:

    una mostra necessaria e molto utile visti anche gli episodi eventi tragici in Italia e non solo, da vedere

Lascia un Commento

*