Mostruose come quelle della tivù

Come travestirsi per festeggiare la notte di Halloween con stile? Le utenti di AdottaUnRagazzo hanno scelto i migliori look tratti dalle serie televisive più cupe. Eccoli.

halloweenHalloween è la festa del macabro per eccellenza e scegliere come agghindarsi non è certo semplice. Anche la paura d’altronde ha il suo fascino ed è inutile negare che quando arriva la notte più tetra dell’anno tutte vogliamo apparire, in un certo senso, belle. Ma come fare per travestirsi in modo mostruoso senza trascurare stile e originalità? Qual è l’abito e quale il make up giusto per trasformarsi in esseri spaventosi mantenendo il proprio charme? Semplice, basta prendere spunto dalle serie televisive di culto. AdottaUnRagazzo.it, la piattaforma di dating online dove sono le donne a scegliere, ha chiesto alle sue utenti di selezionare i migliori outfit per l’occasione. Ecco cosa è venuto fuori.

la contessa lady gagaLA CONTESSA
Partiamo dall’enigmatica e sensuale Elisabeth, meglio nota al pubblico di American Horror Story come la ‘Contessa‘. Interpretata da Lady Gaga, si guadagna ogni giorno l’immortalità con una rigorosa dieta a base di sangue umano.
TRUCCO E PARRUCCO: capelli biondo platino con ciuffo pronunciato, e trucco da bambola Anni ’30.
OUTFIT: alta moda da femme fatale, in nero o viola (basta applicare tonnellate di pizzi e merletti al pigiama palazzo della nonna) con accessori rubati all’argenteria di casa.
ESPRESSIONE: algida, perversa e fatale.
PRECAUZIONI: buttare via tutto al sorgere dell’alba. Perché passare da Halloween al Trattamento Sanitario Obbligatorio è un attimo.

jessica langeLA SUPREMA
Una volta varcata la soglia di American Horror Story non ci si può certo dimenticare di lei, Jessica Lange, che nella terza stagione della serie, Coven, veste gli abiti della temibile e provocante strega Suprema Fiona Goode.
TRUCCO E PARRUCCO: carré biondo miele, trucco tutto sommato discreto (e quindi per Halloween si noterà alla grande).
OUTFIT: va benissimo una “pétite robe noire”, ingentilita da un cappello a punta e a falda larga o da un ombrello “pipistrello”.
ESPRESSIONE: cattiva, perfida, assassina e splendidamente bipolare.
PRECAUZIONI: anche in questo caso attenzione al TSO

stella carlinSTELLA CARLIN
Disinibita, bieca e detenuta nel carcere femminile di Litchfield. È Stella Carlin, interpretata in Orange is the new black dalla modella Ruby Rose, una delle personalità LGBT più influenti al mondo.
TRUCCO E PARRUCCO: capelli corti e alti, tatuaggi (compresa la lacrima sotto l’occhio che per le gang è sinonimo di omicidio).
OUTFIT: tutona arancione. Magari catarifrangente, utile anche nel traffico notturno. Manette optional (dipende se si sceglie la versione Rebibbia o quella ‘evasa’).
ESPRESSIONE: dura, forzuta e potenzialmente ‘terminator’.
AVVERTENZE: la tipologia ‘carcerata-assassina’ è un genere amatoriale. A meno che non si abbia la faccia di Ruby Rose.

Chanel OberlinCHANEL OBERLIN
Un misto tra Paris Hilton e Jackie Kennedy, Chanel Oberlin è la sexy, ricca e viziata presidentessa della confraternita femminile Kappa Kappa Tau protagonista di Scream Queen. Un inno al narcisismo.
TRUCCO E PARRUCCO: raffinato e lolitesco.
OUTFIT: riproduzione in taglia Small degli abiti disegnati dai grandi della moda per la Barbie
ESPRESSIONE: odiosa, capricciosa e allergica a tutto ciò che è grasso, brutto e non griffato.
AVVERTENZE: si corre il rischio di passare la notte e anche i giorni successivi davanti allo specchio in ammirazione della propria superiorità. Da sole.

MichonneMICHONNE
Misteriosa e selvaggia, rapace ed esotica. È Michonne, interpretata in The Walking Dead da Danai Gurira. Misteriosa. Una che parla poco e ‘agisce’ (mortalmente) molto.
TRUCCO E PARRUCCO: dreadlocks e fango spalmato qua e là.
OUTFIT: quello che avete nella sacca della palestra va benissimo. Sono gli accessori che fanno la differenza. Nulla di che: una fascia etnica sulla fronte, katana e due zombi al guinzaglio.
ATTEGGIAMENTO: incazzato nero, primitivo e feroce.
AVVERTENZE: il katana può creare qualche minima resistenza al primo approccio e l’odore degli zombi non è proprio gradevolissimo. Potete quindi puntare su una versione ‘minimal’, ma il rischio è di passare per Bob Marley.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , Data: 31-10-2016 02:14 PM


Lascia un Commento

*