Scordiamoci dell'uguaglianza di genere per i prossimi 170 anni

Il rapporto annuale Global Gender Gap del Forum economico mondiale non è incoraggiante. Secondo la fondazione, per la parità economica tra i sessi dobbiamo aspettare il 2186.

gender gapParla di un «drammatico declino» il rapporto annuale sul divario di genere (Global Gender Gap) del Forum economico mondiale. Secondo la fondazione la disparità tra i sessi è infatti più alta di quanto non sia mai stata dal 2008.

LE RAGIONI DEL DECLINO
Dietro al declino ci sono una serie di fattori. Il primo è lo stipendio: le donne di tutto il mondo guadagnano, in media, poco più della metà di quello che guadagnano gli uomini, pur lavorando più ore. Il secondo riguarda il tasso di attività: mediamente, nel mondo, lavorano il 54% delle donne, contro l’81% degli uomini. Nonostante questo, il report mette anche in evidenza che in 95 Paesi il numero di donne universitarie eguaglia, e a volte supera, quello degli uomini.

LE POSIZIONI DI ALTO LIVELLO
La quantità di donne in posizioni di alto livello rimane bassa, con solo quattro paesi nel mondo (Barbados, Giamaica, Colombia e Ghana) con un numero uguale (tra uomini e donne) di legislatori, alti funzionari e dirigenti.

L’UGUAGLIANZA È LONTANA
Secondo le proiezioni della fondazione perché lo ‘scarto’ economico tra sessi si annulli è necessario attendere 170 anni, contro i 118 stimati nel 2015. La lentezza del processo di transizione verso la parità di genere, soprattutto in campo economico, rappresenta un problema significativo perché molti posti di lavoro occupati per lo più da donne rischiano di essere in proporzione i più colpiti dalla quarta rivoluzione industriale», sottolinea il rapporto.

PARITÀ DI GENERE, L’ISLANDA RESTA AL PRIMO POSTO
Per realizzare la classifica di 144 Paesi, il Forum si è basato su istruzione, salute, opportunità economiche e empowerment politico. Al primo posto si collocano i paesi nordici con l’Islanda, la Finlandia, la Norvegia e la Svezia. Al quinto posto, invece, c’è il Ruanda. Anche se nessun Paese ha eliminato completamente il divario di genere, l’Islanda resta in cima all’indice per il nono anno consecutivo, grazie al suo alto livello di rappresentanza politica femminile, alle politiche di congedo di paternità e l’offerta di maggiori opportunità per le donne di diventare imprenditrici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , Data: 26-10-2016 03:17 PM


Lascia un Commento

*