Un'allenatrice nel pallone

di Federico Capra
Elisabet Spina si è dimostrata la migliore all'esame UEFA B per allenatori di calcio. Ora sogna di sedersi su una panchina importante. Ma come si diventa 'mister'? Ecco una rapida guida che lo spiega.

elisabet spinaIl paragone con gli uomini non sembra toccarla più di tanto. Ma se le chiedete a chi si ispira quando siede in panchina la risposta non può che essere «Pep Guardiola (allenatore del Manchester City, ndr), anche se non disdegno nemmeno Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri». Perché a 33 anni Elisabet Spina, ex centrocampista di Reggiana e Fiorentina, ha tutta l’intenzione di rompere gli schemi di un mondo, quello del calcio, ancora diffidente (troppo) nei confronti delle donne. Grazie anche al patentino da allenatore conseguito col massimo dei voti al corso Uefa A di Coverciano. Quello utile, tanto per intenderci, per allenare le giovanili sino alle prime squadre della Lega Pro (ex serie C), oltre che venire tesserati come tecnici in seconda nei campionati di A e B.

PERCORSO NETTO
Un passo quasi obbligato per chi in campo guidava già la squadra come un veterano della panchina. Da qui la scelta di dedicarsi alla carriera da allenatrice superando il corso di Coverciano con un netto 110 su 110. Meglio persino di Riccardo Scirea, figlio del compianto Gaetano, e Vincenzo Iaquinta, attaccante di Udinese e Juventus, nonché campione del mondo con l’Italia nel 2006. Adesso è responsabile del Centro Tecnico giovanile Milan di Capezzano, in provincia di Lucca. Ma il suo sogno è quello di allenare «magari anche i maschi, perché no».

ATTENTA OSSERVATRICE
Del resto la stoffa è di quelle buone. Come la capacità di scoprire e valorizzare giovani talenti. La Spina ha infatti già fornito al Milan diversi ragazzi da far crescere all’ombra del mito di Weah, Kakà, Nesta e Maldini. Tra questi si trova anche quell’Alessio Bianchi, classe 2000, e attuale stella degli Allievi rossoneri. Insomma un ruolo decisamente importante e che Elisabet sente di essersi meritata dopo lunghi sacrifici.

spinaCOME SACCHI E TRAPATTONI
Eppure diventare allenatori non è cosa semplice. Tanto per una donna quanto per un uomo. Per arrivare a guidare le formazioni della serie A è infatti obbligatorio affrontare un percorso di studio in una delle migliori scuole calcio al mondo. Quella di Coverciano. Un luogo che ha formato allenatori del calibro di Arrigo Sacchi e Giovanni Trapattoni, ma anche quei Maurizio Sarri e Massimiliano Allegri che Elisabet tanto ammira. «Personalmente sono stata accolta molto bene da tutti. A questo corso c’erano colleghi molto qualificati con i quali ho avuto modo di confrontarmi e crescere».

ALLENATORE UEFA B
Così, per chiunque avesse voglia di cimentarsi in questa avventura, i passaggi da seguire sono tre. Il primo è il Corso per Allenatore di Base UEFA B, un pacchetto di 144 ore di lezione suddivise in sei settimane. Qui verranno affrontate argomenti tra i più disparati. Dalla tecnica e tattica calcistica sino alla metodologia dell’allenamento, passando per la psicologia sportiva e non solo. Per poter accedere a questo corso non ci sono particolari requisiti se non quello di aver compiuto i 23 anni d’età ed essere residenti nella regione o nelle provincie limitrofe. Anche il prezzo è abbastanza accessibile: 778 euro, comprensivo della quota di iscrizione all’Albo dei Tecnici.

ALLENATORE UEFA A
Il patentino UEFA B, oltre all’età minima dei 30 anni, è però necessario per accedere allo step successivo: il Corso per Allenatori Professionisti di 2a Categoria UEFA A. Questo ciclo di 192 ore permetterà al candidato di allenare sino alle squadre della Lega Pro. In questo caso il costo del corso è decisamente più importante, ovvero 2.500 euro.

ALLENATORE UEFA PRO
Preso il patentino UEFA A, raggiunti i 32 anni di età e sborsati 8 mila euro, si potrà accedere al Corso per Allenatori Professionisti di Prima Categoria UEFA PRO. L’ultimo passaggio per provare a scalare le vette del calcio approdando nei club della massima serie italiana. Il Corso si articola in 256 ore di formazione e prevede anche numerosi stage in club di serie A e B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: Data: 14-10-2016 02:39 PM


Lascia un Commento

*