Da oggi chiamatela sindaca (ma solo in Sardegna)

La Regione, nell'ambito della legge sulla semplificazione, ha stabilito che le professioni vengano declinate al femminile. L'emendamento è stato accolto positivamente tanto dalla Crusca quanto dal presidente della Camera Boldrini.

fascia-da-sindacoMeglio dire sindaco o sindaca? Consigliere o consigliera? L’annosa questione della declinazione delle professioni al femminile sembra aver finalmente trovato una risposta. Almeno in Sardegna dove la Regione, nell’ambito della legge sulla semplificazione, ha stabilito le nuove linee guida sulla revisione del linguaggio amministrativo. Ecco che sull’isola d’ora in poi la parola sindaco verrà usata solo se a ricoprire il ruolo sarà un uomo. Al contrario la terminologia corretta sarà quella di sindaca.

COMPLIMENTI DALLA CRUSCA
Un emendamento che ha trovato d’accordo anche l’Accademia della Crusca. Tanto da spingere la professoressa Cecilia Robustelli a complimentarsi con Annamaria Busia, la consigliera e autrice della legge passata in Consiglio regionale. «Non capisco perché avvocata debba essere considerato brutto e invece maestra e impiegata no? La verità è che il nome del mestiere declinato al femminile diventa cacofonico nella misura in cui si avanza di livello nella scala professionale», ha spiegato a La Stampa la consigliera. Si tratta quindi solo di abituare l’orecchio alla declinazione al femminile delle professioni. Dall’entrata in vigore della legge l’Amministrazione avrà comunque sei mesi per farlo e adottare così «un linguaggio non discriminante rispettoso dell’identità di genere, mediante l’identificazione sia del soggetto femminile che del soggetto maschile negli atti amministrativi, nella corrispondenza e nella denominazione di incarichi, di funzioni politiche e amministrative».

APPLAUSI DALLA CAMERA
Ma l’operato della Busia ha ricevuto anche il plauso della presidente della Camera Laura Boldrini. Ora, dopo la conquista in Sardegna, la consigliera non sembra intenzionata a fermarsi: «Ho già presentato una proposta di legge per modificare la Severino e introdurre le fattispecie che riguarda i reati sessuali contro le donne», ha aggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti, Top news Argomenti: Data: 13-10-2016 04:21 PM


Lascia un Commento

*