«Che fastidio, il coming out»

di Andrea Cominetti
Tania, 27 anni, ci racconta il percorso di condivisione della sua omosessualità. «Io ho smesso di vergognarmi. Ma è sbagliata l'idea che ci obbliga a dover spiegare sempre agli altri».
foto coming out

Tania Gualemi (foto di Gianmarco Serena).

Lo chiamano coming out, uscita allo scoperto. E, per gli omosessuali, dovrebbe rappresentare il giorno della liberazione, quello in cui – dopo anni di bugie o, nella migliore delle ipotesi, di silenzi – fanno pace con sé stessi e ammettono che «sì, mi piace una persona del mio stesso sesso, e allora?».
Il Coming Out Day si festeggia ogni anno, dal 1988, l’11 di ottobre. Eppure, da festeggiare, c’è ancora poco. L’ampia distanza dalla consuetudine è, nel nostro piccolo, testimoniata anche da tutte le ragazze che abbiamo dovuto contattare per scrivere quest’articolo (che non voleva fare altro che raccontare la loro storia), da tutti i loro no con cui abbiamo dovuto fare i conti: «Sì, sono lesbica, però non mi va che metti il mio nome e il mio cognome».
Le etichette non piacciono neppure alla ragazza che ha accettato di raccontarsi (Tania Gualeni, 27 anni, videomaker della provincia di Brescia). Lei, delle relazioni come della vita, ha una visione fluida: «Quella del genere non è mai stata per me una concezione vincolante, soprattutto negli ultimi anni. Credo ci siano le persone in genere e quelle che vale la pena conoscere, indipendentemente dal loro sesso di appartenenza».

DOMANDA: Ha sempre avuto quest’idea?
RISPOSTA: In realtà sì, anche se si tratta di un pensiero che ho sviluppato meglio crescendo. Soprattutto attraverso la conoscenza di persone provenienti da Paesi diversi dal mio, che mi hanno aperto ulteriormente la mente.
D: Quando ha avuto i suoi primi approcci con l’universo femminile?
R: Ho iniziato a farmi le prime domande intorno ai 17/18 anni, ma la prima vera relazione è stata a 23. Lei era straniera, un po’ più grande di me e proveniva da un mondo completamente diverso dal mio. Mi sono lasciata coinvolgere subito e, nonostante sia finita, ne conservo un bel ricordo.
D: Non ha avuto alcuna esitazione?
R: La prima volta mi sono stupita che mi sembrasse una cosa normale e accettabile: mi chiedevo dove stesse il tabù, dove stessi sbagliando. Poi, ho capito che non si trattava di altro che di preconcetti e che, in generale, le donne non devono sentirsi indebolite per il semplice fatto d’interessarsi ad altre donne.
D: Nessuna esitazione neppure a un livello più intimo?
R: I primi approcci sono stati emozionanti e particolari. C’era una grande voglia di scoprire qualcosa di nuovo, di lasciarsi andare a una situazione che non avevo mai voluto considerare fino in fondo.
D: Si definirebbe lesbica?
R: In realtà non mi piacciono le etichette.
D: Però coming out con i suoi l’ha fatto…
R: Sì, quello è stato l’unico momento in cui mi sono fatta dei problemi, nonostante la mia fosse una famiglia di mentalità aperta. Devo dire che hanno reagito bene, sono contenti quando io sono felice, ma – data la società in cui viviamo – sono anche preoccupati per il mio futuro.
D: Con i suoi amici, invece, ha mai avuto problemi?
R: No, con loro sono sempre riuscita a essere me stessa e a parlargli apertamente. In realtà, se avessero dei problemi, non si tratterebbe di veri amici.
D: Quindi parla apertamente della sua sessualità.
R: Ora sì. Inizialmente mi preoccupavo di doverlo dire ad alta voce, il mio stomaco compiva un salto quando dicevo, magari a gente che conoscevo meno bene: «ecco, lei è la mia ragazza». Ora non più.
D: Del coming out in sé, invece, cosa pensa?
R: M’infastidisce, in realtà, il fatto di fatto di dover fare coming out, in un mondo perfetto non ce ne dovrebbe essere bisogno. È proprio sbagliata l’idea in sé, che ti mette nella condizione di dover spiegare qualcosa agli altri. Mi rendo conto, però, che questo non è un mondo perfetto ed è importante che il coming out esista perché le persone che ne hanno bisogno devono avere la possibilità di poter esprimere il proprio cambiamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone Argomenti: , , Data: 11-10-2016 05:09 PM


Lascia un Commento

*