Niente antivaccinisti in Senato

Il senatore Bartolomeo Pepe aveva organizzato la proiezione in Aula del documentario complottista Vaxxed, basato su dati manipolati ad hoc. Dopo le proteste, l'evento è stato annullato.

vaxxedIl complottismo in Senato. Ce l’aveva quasi fatta, il senatore Bartolomeo Pepe, a portare in una sede istituzionale il documentario anti-vaccini Vaxxed. Diretto da Andrew Wakefield, medico radiato per la sua ricerca fasulla che pretendeva di dimostrare un legame inesistente tra autismo e vaccini, il film avrebbe dovuto essere presentato nella mattinata del 10 ottobre nella sala Isma dell’aula. Ma l’annuncio, per fortuna, ha incontrato la rigida opposizione tanto della commissione sanità che del ministro della salute Lorenzin. E l’evento è stato annullato.

COMPLOTTISMO CERTIFICATO
Il documentario era già salito agli onori delle cronache nel marzo del 2016, quando Robert De Niro, che ha un figlio autistico, aveva tentato in tutti i modi di presentare il documentario al Tribeca Film Festival, ma era poi stato costretto a ritirarlo. Nonostante il legame tra vaccini e autismo sia stato smentito da decine e decine di pubblicazioni scientifiche, il numero degli anti-vaccinisti in Italia cresce sempre più. La proiezione di Vaxxed in un luogo come il Senato non avrebbe fatto altro che dare una sorta di riconoscimento ‘ufficiale’ a teorie strampalate che hanno già cominciato a causare le prime vittime. L’indignazione nei confronti della proposta del senatore Pepe è stata repentina e pressoché unanime: Pierluigi Marini, vicepresidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani, ha definito «grave e pericolosa la divulgazione, per di più in una sede istituzionale, di un film palesemente antiscientifico che cavalca teorie supportate da dati fraudolenti».

TUTTI CONTRARI
Parole di condanna anche dal ministro Lorenzin: «La mia è una posizione di estrema contrarietà, così come c’è l’indignazione di tutta la comunità scientifica nazionale e internazionale intorno a ciò che è propagandato da questo documentario». Prima che l’evento venisse sospeso, il Senato aveva diffuso una nota in cui negava di patrocinare la proiezione. Lo stesso presidente del Senato Pietro Grasso aveva annunciato su Twitter che avrebbe cercato di convincere gli organizzatori ad annullare la proiezione. Qualche tempo fa, LetteraDonna aveva intervistato lo psicologo Armando De Vincentiis, autore del volume Vaccini, complotti e pseudoscienza, che ci aveva spiegato confermato quanto e perché queste teorie siano pericolose e in mala fede: «Le correlazioni erano inesistenti e, in alcuni casi, delle vere forzature: alcuni bambini presentavano già i sintomi ancor prima della vaccinazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , , , , Data: 28-09-2016 05:44 PM


Lascia un Commento

*