Non sono razzista, è la sfocatura che è nera

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin cerca di giustificarsi per l'ultimo volantino. Ma la sua spiegazione non fa altro che amplificare la gaffe.

Pensavamo che la campagna del Fertility Day avesse esaurito il suo serbatoio di gaffe, strafalcioni e messaggi degni del Ventennio. Dopo la gaffe razzista dell’ultimo volantino, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha cercato di giustificarsi spiegando che quella non era la grafica da lei approvata: «In una c’è un’immagine molto sfuocata dove non si vedono i colori». Che non suona proprio come la migliore delle giustificazioni, visto che a molti è suonata come: «C’erano dei neri, ma li abbiamo oscurati».

SEMPRE COLPA DI QUALCUN ALTRO
Per quanto il ministro Lorenzin si affanni a sottolineare le differenze tra un volantino e l’altro, dove l’immagine dovrebbe apparire più stilizzata e ‘neutra’, è davvero difficile coglierle. Il risultato è che la difesa del ministro si candida di diritto tra le più impervie arrampicate sui vetri di sempre. E sottolinea, una volta di più, l’incapacità di una certa classe politica italiana di assumersi le proprie responsabilità. L’importante è trovare sempre un capro espiatorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, video Argomenti: , Data: 23-09-2016 07:10 PM


Lascia un Commento

*