Il panico da maturità corre su Twitter

Sul social già si parla dell'esame per eccellenza, anche se il 2017 è ancora di là da venire. A scatenare la discussione, alcuni cambiamenti proposti dal Miur. Ecco quali sono.

maturita 2017Viviamo in un mondo senza certezze, e ora scopriamo che anche la maturità non è più quella di una volta. Dal 2017, infatti, l’esame più temuto potrebbe cambiare. Non sarebbe la prima volta, intendiamoci. Ma proprio ora che ormai anche nonni e genitori avevano fatto il callo a crediti e terze prove, ecco che arriva una circolare del Miur a scombussolare tutto e ad agitare i millennials di Twitter.

LE NOVITÀ
Ma che cosa cambia? Premesso che nulla è ancora deciso, tanto per cominciare si dà l’addio alla terza prova: il quizzone era una delle prove più temute, un vero e proprio salto nel buio che i maturandi 2017 saranno ben felici di evitare. L’orale, invece, dovrebbe essere più incentrato sul mondo lavorativo e sui progetti futuri dei ragazzi. Ma qualcosa ci dice che sarà un punto bellamente ignorato, come accade da sempre per quella scocciatura della tesina. Spazio invece a una prova Invalsi somministrata durante l’anno scolastico, ma che non dovrebbe influire sul voto finale. Sarà bene invece tenersi buoni i propri prof, perché la commissione potrebbe tornare a essere composta solo da membri interni, eccezion fatta per il presidente. Infine, netto ridimensionamento dei punteggi assegnati alle singole prove, a vantaggio del percorso scolastico: 40, e non 25, i punti racimolabili durante gli anni di scuola.

PAURA E DELIRIO SU TWITTER
Come vi abbiamo anticipato, i cambiamenti hanno scatenato una vera e propria ondata di panico su Twitter, dove l’hashtag #maturita2017 è arrivato in breve in cima ai trending topic. Anche a sproposito, perché non è detto che questi cambiamenti verranno effettivamente approvati. La prima reazione, comunque, è stata l’ansia:

 

 

Poi c’è anche chi cerca di cogliere i lati positivi della cosa:


Qualcuno la vive come un lutto, e attraversa una fase di profonda negazione:

Qualcuno propone soluzioni drastiche. Ma vuoi mettere la possibilità di giocarti il tutto per tutto all’esame alzando una pessima media (come ha fatto il redattore dell’articolo che state leggendo)?

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , Data: 20-09-2016 07:16 PM


Lascia un Commento

*