La grande notte di Game of Thrones

Agli Emmy Awards 2016, la serie creata da David Benioff e D.B. Weiss vince 12 statuette e diventa la più premiata di sempre. Durante la cerimonia, tante conferme quante sorprese.

emmy awards 2016 gotEmmy Awards 2016, o la notte di Game of Thrones. Alla 68esima edizione della cerimonia che premia i migliori programmi per la tivù, la serie creata da David Benioff e D.B. Weiss ha vinto 12 statuette ed è entrata nella storia arrivando a collezionare nelle sue sei stagioni ben 38 riconoscimenti (mai nessuna serie televisiva era arrivata a un tale risultato). Delusione però per il favoritissimo Kit Harington/Jon Snow che, nella categoria degli interpreti non protagonisti, si è visto ‘soffiare’ il premio da Ben Mendelsohn di Bloodline. Nella stessa sezione hanno trionfato Maggie Smith di Downton Abbey, Kate McKinnon di Saturday Night Life Louie Anderson di Baskets. 

I PROTAGONISTI
I successi più inaspettati e applauditi sono stati invece quelli di Rami Malek di Mr Robot, e Tatiana Maslany, di Orphan Black: entrambi hanno conquistato una statuetta come migliori attori protagonisti in una serie drammatica. Il premio per la migliore serie commedia è andato a Veep Vicepresidente incompetente che, con Julia Louis-Dreyfus, ha portato a casa anche la statuetta per la migliore attrice protagonista. Il migliore attore è invece per la seconda volta consecutiva Jeffrey Tambor, star di Trasparent. Per il ruolo principale in una miniserie o film hanno trionfato Courtney B. Vance e Sarah Paulson in The People v. O.J. Simpson: American Crime Story.

UNO SHOW PRO-HILLARY
Il grande show non è stato solo all’insegna dello spettacolo: presentata da Jimmy Kimmel, la serata ha avuto una tono politico piuttosto acceso. Prima Jeb Bush ha fatto la sua apparizione nello sketch iniziale, poi il presentatore la tirato una stoccata a Donal Trump: Indicando Mark Burnett, il produttore inglese di the Apprentice, il programma che ha dato la popolarità televisiva al candidato repubblicano alla Casa Bianca, Kimmel ha detto: «Se vince Trump, prendetevela con lui». Anche Julia Louis-Dreyfus se l’è presa con il magnate americano mentre Courtney B. Vance ha concluso il suo discorso di accettazione con la frase di endorsement alla candidata democratica alla Casa Bianca: «Obama out, Hillary in».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery, persone, Protagonisti Argomenti: , , , Data: 19-09-2016 10:32 AM


Lascia un Commento

*