Manuel non è un Agnelli...no

di Matteo Innocenti
'Cattivone' senza peli sulla lingua, il leader degli Afterhours ha conquistato gli spettatori della prima puntata di X Factor. Che si sono poi scatenati sul web.

home agnelliGrande partenza per la decima edizione di X Factor: la prima puntata dei provini su Sky Uno ha superato il milione di spettatori, per uno share del 4,3% (19% tra gli abbonati). Se la lunga corsa verso la vittoria finale per i cantanti in gara è appena iniziata, il talent show più amato della tivù italiana ha già un vincitore, almeno sui social: Manuel Agnelli, che nel 2016 divide il tavolo della giuria con Arisa, Alvaro Soler e Fedez.

SENZA PELI SULLA LINGUA
A conquistare il pubblico e ‘demolire’ i partecipanti ai provini, più volte scesi dal palco in lacrime, sono state frasi come «Tu hai degli amici che ti hanno sentito fare questa cosa prima di venire qua? Forse questo non è il tuo lavoro» e «Sei antica, cazzo. Lo vedevo al Festivalbar negli Anni ’80 questo».

Ma anche il deciso: «A un certo punto mi hai fatto quasi girare le palle». In fondo, quando ci vuole, ci vuole. Mica tutti hanno l’X Factor (ecco, ad esempio, chi ha dimostrato di averlo sul serio).

Insomma, sono bastati pochi provini per far entrare Agnelli nel cuore dei telespettatori, scatenati su Twitter.

meme1SOSIA PER AGNELLI
Come sottolineato dal profilo ufficiale di X Factor, ai fan della saga di Harry Potter non è sfuggita la somiglianza con il personaggio di Severus Piton, il maestro di arti oscure interpretato dal compianto Alan Rickman, con cui condivide, oltre ai neri capelli lunghi e il look un po’ lugubre, anche la freddezza e (l’apparente) cattiveria. «Manuel non ha paura di dire quello che pensa, può essere bello o totalmente catastrofico», ha dichiarato non a caso Alvaro Soler, che probabilmente non lo conosceva, nemmeno come artista.

Non solo Piton, però: c’è chi su Twitter non ha potuto fare a meno di sottolineare un’altra somiglianza, quella con Lo Iettatore, uno dei tanti personaggi protagonisti dello show Avanti un altro! di Paolo Bonolis.

C’è addirittura chi vede in Agnelli delle somiglianze con il collega Marilyn Manson che però, come conferma buona parte del web, ormai è diventato il sosia di Nicolas Cage. Quanto al ruolo nel talent, Agnelli è il nuovo Morgan, anche se già più tranchant nei giudizi: ai due non fa difetto la cultura musicale e hanno soprattutto in comune il fatto di aver capitanato due band alternative come Afterhours e Bluvertigo.

MA QUALE TRADITORE
Visto il suo background musicale, Agnelli si è inevitabilmente beccato del ‘traditore‘. E c’è chi si augura che, almeno, lo abbia fatto per molti soldi. Quale sia la somma, il leader degli Afterhours non ha mai nascosto, intervistato da Repubblica, di aver detto sì a X Factor e a Sky anche o soprattutto per soldi: «Mi sembra un principio sano essere pagati per quello che si fa perché altrimenti significa che possono fare musica soltanto i borghesucci che non hanno problemi economici, quali appunto sono buona parte di quelli della scena indie attuale che gridano al tradimento»
gif scatarroRUOLO SU MISURA
Che dire? Agnelli ha attraversato il burrascoso mare dell’indie italiano per approdare sul rassicurante tavolo della giuria di X Factor, la maggior parte del pubblico del talent è già ai suoi piedi e lui su questo gioca, consapevole del suo ruolo all’interno dello show. Forse recita, magari invece è proprio così, un po’ pesce fuor d’acqua un po’ giudice attento e inflessibile. D’altra parte, essere un cattivone non è certo un problema per uno che cantava «Sui giovani d’oggi ci scatarro su» già nel 1997.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, persone, Protagonisti Argomenti: , Data: 16-09-2016 05:39 PM


Lascia un Commento

*