In marcia ma coi libri

Dopo il cessate il fuoco firmato dal governo della Colombia e i guerriglieri, le giovani donne che combattevano nelle fila del Farc sognano una vita normale. E molte sperano di tornare a scuola.

Strappate alla spensieratezza della loro adolescenza per indossare un’uniforme e imbracciare un fucile. Tutto per essere nate in un Paese perennemente in guerra. Qui sono state reclutate a forza nelle fila del Farc (Fuerzas armadas revolucionarias de Colombia) per combattere nella giungla. Ora, però, la loro vita sta per cambiare e queste giovani soldatesse sognano un futuro di normalità. Dopo oltre mezzo secolo di violenza, infatti, il governo della Colombia ha raggiunto uno storico accordo con i guerriglieri per il cessate il fuoco. Oltre 290 pagine di trattato per una pace la cui ratifica potrebbe arrivare già il 2 ottobre 2016 in occasione del referendum previsto per quella data nel Paese. Da quella data in poi migliaia di ragazze colombiane non saranno più costrette a estenuanti marce nella giungla e a indossare l’uniforme. Ed ecco che proprio nella parte più selvaggia dello Stato, dove operano queste giovani soldatesse, il fotografo Fernando Vergara (Associated Press) ha realizzato una serie di scatti storici delle guerrigliere del 48esimo fronte delle Farc. Un servizio unico nel suo genere che vede queste donne in una duplice versione: quella militaresca e quella in borghese.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery, persone Argomenti: Data: 15-09-2016 05:03 PM


Lascia un Commento

*