Ma come mi vesto?

di Filomena Avino
Una giovane stilista inglese ha realizzato una serie di vignette per denunciare le difficoltà che incontra una donna nella società odierna, dove viene criticata a prescindere da quello che indossa.

Daisy BernardVestirsi o non vestirsi, questo è il dilemma. Alla pari del dilemma shakespeariano c’è il dilemma femminile nella società odierna. Sempre troppo o troppo poco, quasi mai all’altezza, è in questo modo che le donne vengono giudicate dagli uomini o, ancor peggio, da altre donne. Il motivo? L’aspetto fisico, l’apparenza. «Queste sono alcune delle ragioni per cui noi abbiamo bisogno del femminismo» si legge in un commento ad una foto pubblicata su Instagram dalla stilista inglese Daisy Bernard. La giovane donna, spinta dall’affaire burkini e dalla decisione presa dal sindaco di Nizza di vietare l’indumento sulle coste, ha dato inizio a un progetto-denuncia per dimostrare le difficoltà che affrontano ogni giorno tutte le donne. «Anche in quel caso erano i vestiti e il modo di apparire il problema. Il burkini è stata solamente un’altra scusa per imporre alle donne come apparire», ha commentato la donna.

COSÌ È SCOPPIATA LA ‘DAISYBERNARDARTMANIA’
Attraverso le vignette, la Bernard ha potuto dimostrare che le donne vengono sempre e comunque giudicate dall’aspetto fisico. Indipendentemente dal make-up e dagli abiti che indossano ogni giorno e dall’ambiente in cui si trovano, i commenti sono sempre critici. Di disgusto o di disapprovazione, di offesa o di sarcasmo. Nelle sue illustrazioni, la stilista divide in due le sagome delle ragazze tratteggiate e le accompagna dai commenti che ogni donna subisce quotidianamente.

I commenti di sinistra: ‘sei troppo basic’, ‘sei troppo femminile’, ‘sei più di una sco++ta’, ‘necessiti di troppe attenzioni’.
I commenti di destra: ‘sei troppo intelligente, intimidisci’, ‘sei solo una tra le ragazze’, ‘sei più di una fidanzata’, ‘preferisco le ragazze ben depilate’.

A ‘lavoro‘ la musica non cambia. Sinistra: ‘pensa come un uomo, agisci come un capo’, ‘tra poco se ne andrà e avrà dei figli’. Destra: ‘sei autoritaria’, ‘è una donna difficile’.

Nella vignetta ‘sesso‘, la metà di sinistra che indossa shorts di jeans e top nero si sente dire frasi tipo: ’sei una pu+++na’, ‘mostra i tuoi attributi’, ‘se lo è meritato’, ‘rendilo soddisfatto’, ‘sii sexy’. Nella metà di destra che, invece, indossa un vestito lungo e grigio sente commenti quali: ’sei frigida’, ‘lascia spazio all’immaginazione’, ‘le ragazze dovrebbero coprirsi’, ‘non concederti al primo appuntamento’.

Nella vignetta che illustra le ‘relazioni‘ con l’altro sesso, la parte sinistra si sente dire ‘sei una psicopatica’, ‘qualcuno qui ha il ciclo…’, ‘la signora è una birbantella’. La parte destra, invece, ‘sei una persona sciocca’, ‘sei troppo fredda’, ‘perché non ti curi di te stessa?’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , , Data: 13-09-2016 07:29 PM


Lascia un Commento

*