Abuso di potere (psicologico)

Manipolazione, privacy negata, mania di controllo, insulti e scatti di rabbia: la violenza emozionale può far male come quella fisica. Ecco gli 'indizi' per riconoscerla. E dire basta.

abusoQuando si parla di violenza sulle donne, è automatico pensare agli abusi fisici, se non addirittura sessuali. Ma la violenza può essere anche emozionale, mentale, verbale, ed in questi casi è più difficile riconoscerla. O riuscire ad ammettere, a se stesse e davanti agli altri, che ne si è vittime. Eppure, un certo tipo di controllo psicologico da parte del proprio compagno può essere peggiore di un livido, perché in grado di segnare in modo indelebile la coscienza: ecco come riconoscerlo, prima che sia troppo tardi.

NON È SOLO UNA DISCUSSIONE
Certo, non si può parlare di abuso psicologico per una litigata, per quanto possa aver portato ad alzare la voce uno dei due partner. La ‘violenza emozionale’ è piuttosto uno schema, un ripetersi di abusi mentali e verbali all’interno della relazione, dove una persona controlla l’altra.

bolletteCONVIVERE CON LA PAURA
I colleghi di lavoro, una camicia stirata male, il colore delle tende, le bollette di casa, la scelta del ristorante dove cenare, chi deve portare i bambini all’asilo: qualunque cosa può farlo arrabbiare. Per questo la compagna si ritrova a dargli sempre ragione. Questo senso di paura costante è il segnale che c’è qualcosa che non va.

UGUAGLIANZA NEGATA
In una relazione sana, c’è uguaglianza. Se uno dei due partner ha una necessità, l’altro prova a soddisfarla. La cosa dovrebbe essere reciproca, ma spesso non è così. Le relazioni caratterizzate da abuso psicologico sono come delle strade a senso unico: non si può tornare indietro, non sono ammesse variazioni, la via da seguire è una sola. Quella che ha scelto uno dei due, senza interpellare l’altro.

«NON È SUCCESSO NIENTE»
Chi abusa psicologicamente del partner tende poi a minimizzare la cosa. O addirittura a negare di aver alzato la voce, di aver insultato o di controllare in qualche modo l’altro. Anzi, capita spesso che rigiri la frittata, incolpando la vittima che, ormai in una posizione subordinata nella relazione, si disposta a prendersela. Chiedendo magari scusa per il suo comportamento. Chi controlla il partner spesso scarica le sue responsabilità sull’altro, facendolo sentire dispiaciuto per il suo comportamento anche quando non ha fatto niente di sbagliato: può addirittura accusare l’altra persona di mentire, quando in realtà è lui che mente, o di essere infedele, quando in realtà è lui che tradisce.

coppiaDIVIETI E PRIVACY NEGATA
Il controllo è un elemento preponderante dell’abuso psicologico. Il partner che fa ‘violenza mentale’ può impedire ad esempio all’altro di andare a visitare i genitori o di uscire con gli amici. Ma anche controllare le email e gli account social, facendosi dare le credenziali di accesso, se non riuscendoci di nascosto. Non solo: un classico tipo di controllo, in questi casi, è quello economico, e non conta di chi sono i soldi. Le vittime non possono spendere nemmeno i loro, senza il consenso dell’altro.

LA FELICITÀ NON CONTA
Una coppia dovrebbe essere felice e i due partner dovrebbero gioire della felicità dell’altro, in una sorta di circolo virtuoso. Quando invece le cose vanno male e uno dei due dice al partner che c’è qualcosa che non va, lui dovrebbe reagire in qualche modo: preoccuparsi, chiedere spiegazioni, provare a cambiare comportamento, parlarne, persino discuterne per far valere le sue ragioni. A chi compie abuso psicologico, invece, semplicemente non importa cosa prova la compagna, e non fa niente per migliorare le cose. Il silenzio è una tattica di abuso emozionale, perché l’indifferenza causa profonde ferite emotive nella vittima.

2vlrv4jNON MANCANO GLI INSULTI
Qualche parola di troppo ci può anche stare, capita a tanti. Ma quando diventa la regola, allora si può parlare di vera violenza verbale. «Sei stupida», «Guardati, sei grassa» e «Se io ti lascio nessuno ti vorrà» sono esempi che rendono l’idea: se la vittima si abitua e si convince che frasi del genere siano verità, allora uscire dal ‘giogo’ dell’abuso psicologico sarà sempre più difficile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità Argomenti: , , Data: 13-09-2016 11:01 AM


Lascia un Commento

*