Le spose cadavere

Donne uccise con lo scopo di farle diventare mogli di uomini appena defunti. Un macabro rito ancestrale che sta tornando in auge nelle aree rurali della Cina. Con tanto di mercato nero.

cimitero cinaNella provincia cinese dello Shaanxi la polizia ha arrestato un uomo accusato di aver ucciso due donne disabili con l’intento di venderne il cadavere per il macabro rituale del minghun, il ‘matrimonio fantasma‘. Questo rito ancestrale prevede perlopiù il coinvolgimento di due persone decedute senza essere riuscite a coronare il sogno di sposarsi, sogno che i parenti ancora in vita cercano di realizzare unendo la coppia almeno nell’aldilà. Altra usanza molto diffusa, sempre in Cina, è la riesumazione delle ossa di una donna, che vengono trasportate nella tomba del nuovo marito. Purtroppo, talvolta questo rito può andare oltre e coinvolgere donne nubili ancora vive e vegete, uccise per essere date in sposa ad un uomo appena defunto, che non conoscevano nemmeno. Ed è proprio questo che sembra essere successo.

CONTRABBANDO MACABRO
Nel tentativo di eliminare le credenze feudali e modernizzare la Cina, già Mao aveva bandito questo rituale: nelle aree rurali il minghun è sopravvissuto, ma con foto o statuette ritraenti gli sposi al posto dei cadaveri. Tuttavia, con il progressivo miglioramento delle condizioni economiche della popolazione, questo rito è tornato in auge. E nella sua versione peggiore, con l’aumento di delitti sospetti e furti nei cimiteri, e la conseguente nascita di un vero e proprio contrabbando di cadaveri. Secondo uno studio della Shanghai University, il prezzo di un corpo è più che raddoppiato negli ultimi quattro anni: un cadavere in buone condizioni può costare circa 14 mila euro, e uno in avanzato stato di decomposizione fino a 600.

IL BISOGNO DI CONTROMISURE
Il fenomeno riguarda soprattutto le province settentrionali di Henan, Shaanxi e Shanxi. Zone in cui ormai, se possibile, le famiglie preferiscono seppellire i propri cari vicino alle case piuttosto che in aree più isolate. Ma anche assumere guardie private e installare telecamere con lo scopo di garantire, per quanto possibile, un degno riposo ai defunti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, Top news Argomenti: , Data: 30-08-2016 07:55 PM


Lascia un Commento

*