La bambina che ammazza le giraffe

Aryanna Gourdin ha 12 anni ma questo non le impedisce di essere una spietata cacciatrice. Orsi, zebre, gnu e cervi sono le sue prede preferite. I trofei poi finiscono su Facebook scatenando l'ira del web.

Si chiama Aryanna Gourdin la bionda cacciatrice di 12 anni che sta sconvolgendo il web. Tutta colpa di quelle foto pubblicate sui social network in cui la ragazza viene immortalata accanto alle sue prede. Sguardo fiero, sorriso smagliante e gigantesca giraffa appena abbattuta con il suo fucile. Una foto scioccante che col tempo lascia spazio alla rabbia per un’azione così crudele. Soprattutto se commessa da una bambina dall’apparenza innocente e spensierata. Eppure, incurante delle critiche feroci ricevute, la 12enne non sembra assolutamente intenzionata a smettere con la sua attività. «È una misura di conservazione», sostiene a sua difesa. «Ho ucciso la giraffa, come altri animali, perché era vecchia e pericolosa. Toglieva risorse alle altre bestie presenti nella riserva. Ho fatto una cosa legale in Sudafrica».

DURE MINACCE
Non pare essere dello stesso avviso la Humane Society International, secondo cui l’attività di questa giovane cacciatrice, oltre a essere crudele e insensata, non aiuterebbe in alcune modo la conservazione della specie privando le comunità locali di opportunità eco-turistiche. E se l’associazione usa termini concilianti, c’è chi non l’ha presa altrettanto alla ‘leggera’. La piccola Aryanna è stata infatti apostrofata in vari modi dagli utenti dei social che sono passati addirittura alle minacce. Lei però non si arrende continuando a postare sulla propria bacheca Facebook immagini di animali uccisi. «Sono una cacciatrice e non smetterò di esserlo né tanto meno chiederò scusa. Mi diverto e voglio che altre donne e giovani facciano esperienze di caccia», ha scritto. Tra i suoi trofei anche zebre, impala, gnu e antilopi. Ovviamente tutti fotografati e socializzati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Attualità, foto, Gallery, persone Argomenti: , Data: 30-08-2016 03:00 PM


Lascia un Commento

*