Pechino Express e GF Vip, è scontro

di Matteo Innocenti
Dal 19 settembre i due reality si sfidano nel prime time del lunedì: Costantino della Gherardesca contro Ilary Blasi. Format e conduttori a confronto.

costantinoLa bomba è stata sganciata nell’immaginario regno dei telespettatori italiani: Pechino Express e il Grande Fratello Vip in onda contemporaneamente il lunedì sera e, ovviamente, in prime time. Un colpo basso per gli amanti dei reality che a questo punto si trovano costretti a scegliere tra l’adventure game più amato della tivù (iniziato il 12 settembre) e il reality show per eccellenza, ma declinato nella versione vip (prima puntata il 19). Un testa a testa talmente mal digerito da molti telespettatori che dopo l’annuncio della notizia su Twitter hanno protestato con l’hashtag #NoPechinoeGFinsieme.

LA CALMA DI COSTANTINO
Questo è solo un esempio della rivolta del popolo di Twitter. C’è poi chi si è lamentato: «Quanta cattiveria per noi amanti della combo divano+trash!!!», chi si è domandato, con ironia: «Chi è che fa i palinsesti? Flavia Vento?!». Non considerando che, tutto sommato, si tratta pur sempre di controprogrammazione e che in tivù un ‘armistizio’ è concesso solo in occasione del Festival di Sanremo e, in certi casi, quando gioca la Nazionale italiana di calcio. Raggiunto da LetteraDonna, il conduttore di Pechino Express Costantino della Gherardesca ha dimostrato di non essere preoccupato per questo ‘scontro fra titani’, né dalla ripercussione che potrebbe avere su audience e share: «Niente panico. È meraviglioso che il mondo ci dia questa possibilità di scelta». Magari perché, tutto sommato, il suo programma potrà sfruttare la settimana di vantaggio per creare, con la prima puntata, una solida base di affezionati, che curiosi di sapere come andrà a finire poi non ‘tradiranno’ Pechino Express per il GF Vip? «Sarà il pubblico a scegliere», ha chiosato Costantino. Intanto, in occasione del primo lunedì ‘conteso’, abbiamo messo a confronto i due show.

pechino-express-5-concorrenti-coppieI CAST
Quello della quinta edizione di Pechino Express, che si snoda tra Colombia, Guatemala e Messico, e non a caso ha il sottotitolo Le Civiltà Perdute, è già ufficiale. Otto le coppie in gara, tra concorrenti famosi e aspiranti tali. La più attesa è Tina Cipollari, storica opinionista di Uomini e Donne, che insieme all’assistente Simone Di Matteo fa compone gli Spostati. Anche Lory Del Santo, in gara con il suo toy boy Marco Cucolo, di 33 anni più giovane di lei (sono gli Innamorati), promette grandi cose: per lei è il terzo reality show, dopo L’Isola dei Famosi nel 2005 (vinta) e La Fattoria nel 2009. L’altro volto davvero noto è Francesco Sarcina, l’ex leader de Le Vibrazioni, che partecipa insieme alla moglie. Il cast del Grande Fratello Vip non è invece ancora ufficiale: se Massimo Boldi ha smentito la sua partecipazione, quella di Pamela Prati sembra ormai certa, come quella del pugile Clemente Russo, reduce dalla delusione olimpica di Rio, e di Costantino Vitagliano. Nella casa più famosa della tivù entrerà poi lo spagnolo Bosco Cobos, famoso per essere ‘amico di’. Non di Maria de Filippi, come molti dei possibili concorrenti, ma di Jonas Berami, un suo protégé. C’è da credere che porterà scompiglio e abiti stravaganti a Cinecittà, dove si apprestano a sbarcare anche Stefano Bettarini, Antonella Mosetti (con la figlia Asia) e, forse, Elenoire Casalegno.

I CONDUTTORI
Costantino Della Gherardesca contro Ilary Blasi: ai due non manca la capacità di prendersi in giro e questo, forse, è l’unico punto che hanno in comune. Il primo metterà come sempre la sua ironia e pacatezza al servizio della conduzione, che proprio tale non è, visto che i suoi interventi ‘spezzano’ solo le varie prove di Pechino Express e l’unico momento in cui interagisce davvero con i concorrenti è al traguardo. E poi, il programma non è in diretta. Anche per questo, c’è sicuramente più curiosità per l’esordio alla conduzione in solitaria di Ilary Blasi, che a 35 anni si ‘mette in proprio’ dopo una vita a Le Iene. Ed è pronto a farla in un reality che, nonostante abbia una formula consolidata, per la prima volta vede pronti a entrare nella casa e dunque nel confessionale dei volti già noti.

I FORMAT
A Pechino Express il pubblico non vota, perché il format prevede delle prove e sono solo le performance dei partecipanti a stabilire se hanno diritto o meno ad andare avanti. Però si ritrova a tifare davvero, anche se non può inviare sms per salvare i concorrenti, visto che l’adventure game è, appunto, un’avventura che porta anche gli spettatori nei luoghi dello show. Se Pechino Express stavolta viaggia tra Colombia, Guatemala e Messico, il Grande Fratello Vip non esce invece dalla casa con più telecamere d’Italia, e dunque da Cinecittà. Un’Isola dei Famosi senza isola, insomma. Ma con più cibo e comodità. Ritmi compassati, giornate passate sul divano o a prendere la tintarella in giardino, magari in sauna (se c’è). E poi litigate per le pulizie o una parola di troppo, confessionali, nomination e conseguenti eliminazioni. Inevitabili poi le polemiche in studio. Il format è consolidato, sicuramente un po’ usurato. Ma chissà che non riesca a risorgere grazie alla versione vip, che all’estero funziona parecchio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*